Latest

Negligenza affluente

La società esprime grande preoccupazione per i bambini poveri e con pochi mezzi e per la maggiore probabilità che non abbiano accesso all'assistenza sanitaria e all'istruzione, o che si diano alla droga o al crimine in età adulta. Si presta meno attenzione ai figli di genitori benestanti che hanno la loro serie di problemi. La…

Legga di più

Che cos’è la terapia comportamentale dialettica?

La terapia comportamentale dialettica (DBT), sviluppata da Marsha Linehan, Ph. negli anni '80, è un tipo di terapia della parola originariamente progettata per persone ad alto rischio con tendenze suicide con diagnosi di disturbo borderline di personalità. Oggi, la DBT è usata per trattare le persone alle prese con una serie di emozioni complesse e…

Legga di più

Benefici dello yoga nel trattamento delle dipendenze

In termini generali, lo yoga è un esercizio che apporta benefici al corpo, alla mente e allo spirito attraverso l'integrazione di tecniche di respirazione, esercizi di rafforzamento, posture e meditazione. Ci sono molti tipi di yoga; tutti sono vantaggiosi. Sebbene lo yoga sia una pratica secolare, è una modalità di trattamento relativamente nuova nel campo…

Legga di più

Che cos’è la terapia comportamentale dialettica?

La terapia comportamentale dialettica (DBT), sviluppata da Marsha Linehan, Ph. negli anni '80, è un tipo di terapia della parola originariamente progettata per persone ad alto rischio con tendenze suicide con diagnosi di disturbo borderline di personalità. Oggi, la DBT è usata per trattare le persone alle prese con una serie di emozioni complesse e…

Legga di più
precedente
/
prossimo

Carl Hart: “Perché non possiamo vincere la guerra alla droga”.

Carl Hart, professore e neuroscienziato alla Columbia University di New York, ha dedicato la sua carriera alla ricerca di complesse interazioni tra neurobiologia, fattori ambientali e abuso di droghe. Le scoperte del Prof. Hart sono sorprendenti e gettano nuova luce sul triste fallimento della "guerra alle droghe" della società."

Afferma che le attuali credenze culturali sull'uso di droga sono in gran parte pericolosi miti che hanno un enorme impatto sulla società. I miti, dice, sono usati come strumenti per trasformare persone emarginate in capri espiatori - prevalentemente persone che risiedono in quartieri poveri e neri negli USA. Il crimine e la povertà non nascono dalle droghe, ma da leggi selettive sulle droghe, dall'ignoranza e dal rifiuto sistematico delle prove scientifiche.

Il Prof. Hart non è estraneo ad entrambe le parti del dibattito. È nato e cresciuto in un quartiere povero e pieno di criminalità a Miami, Florida, dove l'uso di droghe illegali era prevalente. Ammette di aver portato una pistola e di essersi impegnato in piccoli crimini, compreso l'uso e la vendita di droghe. Tuttavia, racconta che le sue incursioni nel mondo del crimine avevano molto a che fare con il denaro e lo status - non con le droghe.

Questo importante neuroscienziato ha ammesso di aver "comprato" l'opinione predominante che una dose di cocaina crack porta alla dipendenza e che le droghe illegali sono la causa principale della povertà e del crimine in quartieri come il suo. Credeva che il Congresso degli Stati Uniti stesse facendo una buona cosa quando, a metà degli anni '80, approvò droghe che rendevano il traffico di cocaina crack degno di una punizione 100 volte più severa delle leggi che regolavano la cocaina in polvere.

Tuttavia, con il passare del tempo e il suo coinvolgimento nella ricerca neurobiologica, iniziò a vedere la situazione in modo molto diverso. Si rese conto che il crimine e la povertà esistevano molto prima che fosse disponibile la cocaina crack, e non credeva più che risolvere il problema della droga avrebbe sradicato il crimine e la povertà.

Infatti, le droghe dovrebbero essere depenalizzate, citando statistiche secondo cui l'80-90% delle persone che usano droghe illegali non hanno un problema e non diventano mai dipendenti. La maggior parte dei consumatori di droghe, dice, sono membri responsabili della società - persone che hanno lavoro e famiglia. L'idea che i consumatori di droghe siano destinati a cadere nel crimine e nella dissolutezza è un altro mito.

"La gente ha sempre usato droghe, e sempre lo farà", dice il Prof. Hart. "È ingenuo pensare che si possano sradicare le droghe e l'uso di droghe".

Per quanto riguarda il trattamento tremendamente iniquo trattato riservato ai consumatori di cocaina crack, il Prof. Hart afferma che la cocaina crack e la cocaina in polvere hanno effetti identici sul corpo, che dipendono esclusivamente dalla via di somministrazione. Le leggi distorte spiegano, dice, perché un terzo degli uomini neri negli Stati Uniti può aspettarsi di passare del tempo in prigione, rispetto ad un uomo bianco su 20, anche se l'uso di cocaina è più diffuso nella popolazione bianca.

Riporta i risultati di ricerche condotte sia su animali che su persone. In centinaia di esperimenti, afferma, entrambi hanno scelto alternative alla droga circa la metà delle volte quando erano disponibili alternative valide. Per esempio, i ratti optavano per un dolcetto o un compagno sessualmente valido, mentre gli esseri umani dipendenti da eroina o metanfetamina spesso sceglievano piccole quantità di denaro o altre ricompense invece della droga. Fattori diversi dalla dipendenza causano crimine e povertà, secondo il Prof. Hart. Qual è allora la soluzione?

È irremovibile che dobbiamo dire alla gente la verità sulle droghe. Per esempio, la gente deve essere informata che l'uso di eroina può essere mortale quando la droga è combinata con alcol o altri sedativi, non che chi usa eroina è sicuro di diventare dipendente. Come i soggetti della ricerca, le persone devono avere alternative valide che le aiutino ad elevarsi al di sopra della povertà e del crimine, che includono opportunità economiche, abilità commerciabili, lavoro, istruzione e legami sociali sicuri.

"Dobbiamo essere onesti sull'uso di droghe e dobbiamo tenere le persone al sicuro", dice la dottoressa Hart, "anche quando ci mette molto a disagio, perché tutti abbiamo comprato nei miti sulle droghe e sull'uso di droghe."

Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2015-09-16 17:23:04 e tradotto in Italiano nel 2021

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati