Latest

Negligenza affluente

La società esprime grande preoccupazione per i bambini poveri e con pochi mezzi e per la maggiore probabilità che non abbiano accesso all'assistenza sanitaria e all'istruzione, o che si diano alla droga o al crimine in età adulta. Si presta meno attenzione ai figli di genitori benestanti che hanno la loro serie di problemi. La…

Legga di più

Che cos’è la terapia comportamentale dialettica?

La terapia comportamentale dialettica (DBT), sviluppata da Marsha Linehan, Ph. negli anni '80, è un tipo di terapia della parola originariamente progettata per persone ad alto rischio con tendenze suicide con diagnosi di disturbo borderline di personalità. Oggi, la DBT è usata per trattare le persone alle prese con una serie di emozioni complesse e…

Legga di più

Benefici dello yoga nel trattamento delle dipendenze

In termini generali, lo yoga è un esercizio che apporta benefici al corpo, alla mente e allo spirito attraverso l'integrazione di tecniche di respirazione, esercizi di rafforzamento, posture e meditazione. Ci sono molti tipi di yoga; tutti sono vantaggiosi. Sebbene lo yoga sia una pratica secolare, è una modalità di trattamento relativamente nuova nel campo…

Legga di più

Che cos’è la terapia comportamentale dialettica?

La terapia comportamentale dialettica (DBT), sviluppata da Marsha Linehan, Ph. negli anni '80, è un tipo di terapia della parola originariamente progettata per persone ad alto rischio con tendenze suicide con diagnosi di disturbo borderline di personalità. Oggi, la DBT è usata per trattare le persone alle prese con una serie di emozioni complesse e…

Legga di più
precedente
/
prossimo

Cattive abitudini, Mindfulness e curiosità

La dipendenza è una condizione difficile da comprendere, sia che si tratti di alcol, droghe o nicotina, sia che si tratti di dipendenze comportamentali come gioco d'azzardo, porno, fumo o sovralimentazione. Anche se la conoscenza scientifica della dipendenza sta diventando più avanzata, resta il fatto che anche i migliori centri di trattamento di droghe e alcool e le riabilitazioni continuano ad avere un alto tasso di relapse.

Judson Brewer, un ricercatore di dipendenze e psichiatra della University of Massachusetts Medical School ha un punto di vista diverso sulla rottura di cattive abitudini e dipendenze, che secondo lui sono spesso usate per distrarsi quando siamo a disagio o inquieti. In una conferenza TedMed, il Dr. Brewer spiega che tutte le abitudini funzionano più o meno allo stesso modo. Sono innescate da una situazione o da un evento e vengono poi ripetute fino a quando non vengono eseguite automaticamente.

Utilizzando il mangiare come esempio, il Dr. Brewer descrive come il cibo viene usato per soddisfare la fame (l'innesco). Il nostro cervello sviluppa una memoria e il comportamento viene ripetuto. Alla fine il nostro cervello si rende conto che il cibo ha un buon sapore e ci fa sentire meglio, quindi cominciamo ad usare il cibo come un "pick-me-up" quando ci sentiamo stanchi o scoraggiati. Le emozioni diventano il nuovo fattore scatenante e mangiare diventa un comportamento di dipendenza.

Se impariamo a sviluppare la curiosità, dice il dottor Brewer, possiamo attingere ad un processo di apprendimento naturale e osservare da vicino le nostre voglie senza cedere. La chiave, dice, è smettere di cercare di forzare la questione e notare invece come si sente il desiderio nella nostra mente e nel nostro corpo.

Il dottor Brewer ha descritto uno studio in cui lui e i suoi colleghi dell'Università del Massachusetts hanno scoperto che l'allenamento alla mindfulness può aiutare le persone a smettere di fumare - anche i fumatori di lunga data che hanno cercato di smettere numerose volte senza successo.

Ai partecipanti alla ricerca è stato dato il permesso di fumare, ma è stato chiesto di essere attenti alle loro sensazioni corporee mentre fumavano. Secondo il dottor Brewer, la mindfulness permette alle persone di diventare "scienziati interiori", attingendo ad una naturale curiosità e consapevolezza, interrompendo così il processo, o "spingendo un cuneo di consapevolezza" nelle sensazioni. Di conseguenza, le persone sono in grado di uscire da un ciclo di abitudini senza fine.

A quel punto, la curiosità viene premiata e siamo in grado di realizzare che le voglie consistono semplicemente in sensazioni corporee che vanno e vengono. Una volta capito questo, diventiamo saggi e possiamo gestire i fattori scatenanti e le voglie di momento in momento. Allora possiamo sperimentare la gioia e la libertà di lasciar andare.

La ricerca indica che le tecniche di mindfulness possono aiutare anche con dipendenze più recenti e meno studiate, come la dipendenza da Internet, dai telefoni cellulari o dai social media.

Come i benefici del training di mindfulness diventano più evidenti, molti centri di trattamento della droga e riabilitazioni stanno integrando il training nel trattamento della dipendenza.

Guarda il TED Talk del dottor Brewer, "A Simple Way to Break a Bad Habit" qui.

Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2016-10-12 10:57:34 e tradotto in Italiano nel 2021

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati