Come la Finlandia affronta il problema dei senzatetto cronici

Housing First, la strategia nazionale finlandese per ridurre il numero di senzatetto a lungo termine, sta funzionando proprio come previsto. Secondo Housing First Europe, nel 1987 in Finlandia vivevano quasi 19.000 senzatetto. Nel 2016 il numero era crollato a 6.684 individui e 325 famiglie.

Il numero di senzatetto cronici, definiti come coloro che sono stati senza un alloggio stabile per un anno o più, continua a scendere. La Finlandia è l'unico paese europeo in cui il numero di senzatetto è diminuito.

Housing First si basa su una strategia per fornire alle persone un alloggio stabile invece di alloggi transitori o temporanei o rifugi pubblici. Il principio principale è quello di fornire alle persone case sicure il prima possibile.

Non ci sono prerequisiti o qualifiche. L'idea è che una volta che le persone si sono stabilite nelle loro case, diventa possibile affrontare questioni come l'abuso di sostanze, problemi di salute mentale, problemi di salute o formazione lavorativa.

In Finlandia, Housing First è una partnership di governo, comunità e organizzazioni non governative come l'Esercito della Salvezza. I progetti sono sostenuti da sovvenzioni e prestiti a basso interesse. Anche l'associazione finlandese delle slot machine è stata parte integrante del finanziamento.

Gli inquilini stipulano contratti e pagano l'affitto. A seconda del reddito, possono contribuire al costo dei programmi di trattamento della droga o di altri servizi. Tra il 2008 e il 2015 sono state acquistate o costruite 6.000 unità abitative, soprattutto appartamenti con alcuni ostelli e dormitori.

Senza tetto: Un problema mondiale

Un'indagine condotta dalle Nazioni Unite ha stimato che nel 2005, 100 milioni di persone nel mondo erano senza casa o vivevano in rifugi inadeguati. Nel 2015 la popolazione globale di senzatetto era salita alle stelle fino a 1,6 miliardi.

Housing First è stato creato negli Stati Uniti come risposta ad un rapido aumento del numero di famiglie senza casa con bambini. Il programma, che inizialmente prevedeva progetti relativamente piccoli in città come New York, Los Angeles, San Francisco, Denver e Chicago, offre anche servizi di gestione del caso e di supporto, fornendo così ulteriore stabilità e aumentando le possibilità di successo.

Oggi i programmi sono operativi in molte città degli Stati Uniti, tra cui New Orleans, Salt Lake City, Seattle, Cleveland e Austin. Il risultato è una riduzione significativa dei costi per le visite al pronto soccorso, il ricovero detox e i giorni passati in carcere o in prigione.

Più efficace e meno costoso

Collocare i senzatetto nelle case è costoso, ma sembra che a lungo termine, fornire alle persone un alloggio sia meno costoso che cercare di gestire il problema con soluzioni inefficaci e a breve termine. In Finlandia, Housing First ha anche stimolato le economie locali e ridotto l'occupazione.

Altri Paesi stanno osservando la Finlandia e molti hanno adattato il programma Housing First alle proprie esigenze. I progetti sono operativi in Giappone, Australia, Francia e Canada, e altri stanno salendo a bordo.

Tuttavia, il finanziamento rimane un punto critico, poiché Housing First richiede un investimento sostanziale. Anche se molti credono che l'alloggio sia un diritto umano fondamentale, c'è anche una scuola di pensiero secondo cui le persone dovrebbero trovare un lavoro o cercare aiuto sotto forma di cura della salute mentale o trattamento per alcolismo prima di entrare nell'alloggio.

Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2017-12-10 14:35:21 e tradotto in Italiano nel 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

due + tre =

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati