Come la violenza sessuale può alterare il cervello femminile

Secondo la National Coalition against Domestic Violence (NCADV), una donna su cinque negli Stati Uniti sarà violentata ad un certo punto della sua vita. Una su tre subirà una qualche forma di violenza sessuale per mano di un partner intimo. Le donne tra i 18 e i 24 anni sono le più a rischio.

Le donne vittime di stupro e di altre forme di violenza sessuale rimangono con dolorose cicatrici emotive che influenzano la loro vita per anni, spesso sotto forma di disordine da stress post-traumatico, ansia o depressione. La violenza sessuale contro le donne è anche collegata ad un alto tasso di gravidanze non volute, carenze nutrizionali, dolore cronico, ipertensione e malattie cardiovascolari.

Trattamento con droghe e alcol e riabilitazione sono spesso necessari, poiché le donne che hanno subito violenza sessuale sono a maggior rischio di abuso di sostanze e dipendenza da tabacco, alcol e droghe.

Problemi di apprendimento e difficoltà materne

Anche se sono necessari studi più approfonditi, la ricerca suggerisce che il danno effettivo potrebbe essere anche peggiore di quanto si credeva inizialmente, e che la violenza sessuale contro giovani donne può alterare la composizione del cervello in modi che influenzano non solo la vittima, ma anche la sua prole.

Uno studio recente di ricercatori della Rutgers University ha coinvolto la collocazione di ratti femmina che non avevano ancora raggiunto la piena maturità sessuale in gabbie con ratti maschi più grandi e con esperienza sessuale. Nonostante i loro ripetuti tentativi di scappare, le giovani femmine venivano inevitabilmente montate dai maschi più grandi e anziani.

Di conseguenza, i ratti femmina mostravano un picco nel livello di ormoni dello stress e generavano meno cellule nuove nell'ippocampo, un'area del cervello associata all'apprendimento e alla memoria. Mostravano anche una marcata mancanza di comportamento materno e avevano difficoltà a fornire cure adeguate alla loro prole.

Anche se gli studi sui ratti non possono essere generalizzati direttamente agli esseri umani, le donne reali che hanno subito violenza sessuale durante la pubertà o la prima età adulta mostrano comportamenti simili con stress e difficoltà di apprendimento, e i loro figli sono a maggior rischio di traumi e problemi di sviluppo.

Cosa significa tutto questo

Anche se i risultati sono preoccupanti, i ricercatori sottolineano che gli studi non significano che le vittime di violenza sessuale non potranno mai essere buone madri, o che non sono capaci di imparare cose nuove. Tuttavia, capire come la violenza sessuale influisce sul cervello della vittima può aiutare i medici a migliorare il trattamento per le ragazze e le donne che hanno subito violenza sessuale, aumentando così la possibilità di un recupero completo.

Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2017-04-19 21:46:01 e tradotto in Italiano nel 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

tre × tre =

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati