Confini nel trattamento delle dipendenze

Terapeuti competenti ed esperti possono fare un mondo di differenza per gli individui in trattamento e riabilitazione da droghe e alcol, ma un'efficace relazione terapeuta-cliente richiede che i consulenti stabiliscano confini chiari che mantengano la fiducia e la professionalità.

Salute interazioni cliente-consulente governate da confini etici sono nel migliore interesse di entrambi e dovrebbero essere stabilite dal consulente all'inizio del trattamento con ogni nuovo cliente. I clinici generalmente prendono questa responsabilità molto seriamente. Coloro che non riescono a stabilire e mantenere i confini sono a rischio di disciplina, licenziamento e, in casi estremi, cessazione della licenza.

Non sempre bianco e nero

Confini strettamente sorvegliati possono ridurre le opportunità di sfruttamento involontario della fiducia del cliente. Mentre è normale che i clienti sviluppino sentimenti per un consulente che li ha aiutati a superare momenti molto difficili, compresa la condivisione di esperienze personali e private ed emozioni dolorose, alcuni confini non sono bianchi e neri.

Per esempio, un abbraccio amichevole può sembrare un gesto innocente (e di solito lo è), ma un abbraccio può essere carico di significato per il cliente, rendendolo una forma innocente ma rischiosa di superamento dei confini. Questo può creare un dilemma per un terapeuta che sa che alcuni clienti trarrebbero grande beneficio da un rapido abbraccio.

Tenere separate le vite personali

Anche se a volte è difficile, è importante per i clinici essere amichevoli, ma non sviluppare amicizie personali con i clienti. La maggior parte dei consulenti sono ammoniti a non accettare regali, impegnarsi in qualsiasi tipo di contatto personale o imporre le loro credenze e valori religiosi e morali ai loro clienti.

Molti sono attenti a non parlare di se stessi e della loro vita lontano da droga e trattamento di alcool e riabilitazione, e alcuni evitano di mettere foto o oggetti personali nei loro uffici, il che serve a delineare un confine più forte tra il cliente e la vita privata del clinico.

Counselor in recupero

Non è affatto insolito che i consulenti siano in recupero per la propria dipendenza da droghe o alcol, anche se la maggior parte dei centri di trattamento richiede ai potenziali consulenti di dimostrare di essere puliti da almeno tre anni.

Frequentemente, i clinici che sono ex tossicodipendenti sviluppano compassione ed empatia che li rende consulenti molto efficaci. Tuttavia, le linee di confine possono essere confuse quando i consulenti, senza rendersene conto, hanno difficoltà a separare il loro lavoro dal proprio processo di recupero. Spesso è meglio che i consulenti in fase di recupero non condividano troppe informazioni sulle loro esperienze personali con l'abuso di sostanze e la dipendenza.

Molti consulenti frequentano vari gruppi di sostegno e i clinici possono trovarsi alla stessa riunione di un cliente attuale o ex, specialmente nelle zone rurali o nelle piccole comunità. Gruppi dei dodici passi chiamano questi clinici "due cappellai" a causa del loro doppio ruolo di consulente nel recupero.

I consulenti nel recupero devono gestire attentamente il proprio recupero in corso, poiché nessuno è immune da relapse, anche i terapeuti che sono puliti da molti anni. I clinici devono riconoscere i propri punti di vulnerabilità e imparare modi efficaci per affrontare lo stress.

Le relazioni tra cliente e consulente possono essere complesse

Mentre le relazioni tra cliente e consulente possono essere complesse, le pratiche etiche dovrebbero guidare ogni interazione. La maggior parte dei consulenti si basa su linee guida stabilite da organizzazioni come NAATP (l'Associazione Nazionale dei Fornitori di Trattamento delle Dipendenze) o ISSUP (la Società Internazionale dei Professionisti dell'Uso di Sostanze).

A Paracelso, scegliamo attentamente i nostri consulenti e possiamo dire con orgoglio che molti hanno lavorato con noi per molti anni nelle situazioni più complesse e intricate.

Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2017-04-09 21:58:24 e tradotto in Italiano nel 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

14 + due =

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati