Latest

Negligenza affluente

La società esprime grande preoccupazione per i bambini poveri e con pochi mezzi e per la maggiore probabilità che non abbiano accesso all'assistenza sanitaria e all'istruzione, o che si diano alla droga o al crimine in età adulta. Si presta meno attenzione ai figli di genitori benestanti che hanno la loro serie di problemi. La…

Legga di più

Che cos’è la terapia comportamentale dialettica?

La terapia comportamentale dialettica (DBT), sviluppata da Marsha Linehan, Ph. negli anni '80, è un tipo di terapia della parola originariamente progettata per persone ad alto rischio con tendenze suicide con diagnosi di disturbo borderline di personalità. Oggi, la DBT è usata per trattare le persone alle prese con una serie di emozioni complesse e…

Legga di più

Benefici dello yoga nel trattamento delle dipendenze

In termini generali, lo yoga è un esercizio che apporta benefici al corpo, alla mente e allo spirito attraverso l'integrazione di tecniche di respirazione, esercizi di rafforzamento, posture e meditazione. Ci sono molti tipi di yoga; tutti sono vantaggiosi. Sebbene lo yoga sia una pratica secolare, è una modalità di trattamento relativamente nuova nel campo…

Legga di più

Che cos’è la terapia comportamentale dialettica?

La terapia comportamentale dialettica (DBT), sviluppata da Marsha Linehan, Ph. negli anni '80, è un tipo di terapia della parola originariamente progettata per persone ad alto rischio con tendenze suicide con diagnosi di disturbo borderline di personalità. Oggi, la DBT è usata per trattare le persone alle prese con una serie di emozioni complesse e…

Legga di più
precedente
/
prossimo

Cosa fare dopo aver lasciato il trattamento della dipendenza

Il trattamento di droghe e alcol è un notevole investimento di tempo, motivazione e denaro. Fermare il comportamento di dipendenza è un risultato degno di orgoglio. È importante rendersi conto, però, che completare il trattamento è solo l'inizio di una nuova vita. Ci saranno sicuramente molte sfide lungo la strada e il vero lavoro deve ancora arrivare. Il trattamento l'ha dotata di molti strumenti per affrontare la vita e le sue sfide, il tempo dopo il trattamento è l'occasione per mettere la sua "cassetta degli attrezzi" in buon uso. Ricordi, più strumenti si usano, più si diventa abili.

In alcuni casi, le sfide possono sembrare così grandi che il recupero non sembra valere lo sforzo. Può dimenticare le ragioni che l'hanno spinta a cercare il trattamento in primo luogo e non ci sono professionisti 24 ore su 24 per farle superare i momenti difficili. Tuttavia, le ricompense di una vita sana e felice valgono la lotta, e una preparazione adeguata può aiutare a facilitare la transizione.

Importanza di un piano di aftercare

La ricaduta non è un evento raro e si stima che il 50-60% delle persone ricada almeno una volta. Alcune persone ricadono numerose volte. Il rischio di ricaduta è più alto nei primi due mesi dopo il trattamento e rimane alto per i primi cinque anni. Il rischio non scompare mai completamente. Tuttavia, è un errore presumere che tutti abbiano una ricaduta. Infatti, molte persone lasciano il trattamento e continuano a condurre una vita felice e produttiva senza ricadute.

Un piano praticabile e realistico aftercare è tanto importante quanto detox e treatment, dato che gli studi hanno dimostrato che le persone che ricevono aftercare hanno meno probabilità di ricadere rispetto alle persone senza un buon piano.
Un centro di trattamento professionale ed empatico farà in modo che lei lo lasci armato di un piano che include una varietà di strumenti e strategie di coping della vita reale.

Supporto supplementare in aftercare

Un piano di aftercare può includere un supporto aggiuntivo sotto forma di meditazione, consulenza, incontri di follow-up, incontri in dodici passi o altri gruppi di supporto. È molto utile avere un consulente che viaggi con lei per assicurare una transizione fluida al ritorno nella vita reale, perché lei potrebbe essere cambiato molto, l'ambiente molto probabilmente no.

Ricorda che la forza di volontà da sola non è sufficiente per farle superare il trattamento e non sarà sufficiente per farle superare i momenti difficili dopo il trattamento. Non abbia paura di cercare aiuto quando ne ha bisogno. Non aspetti. Quando si tratta di affrontare questioni fastidiose, prima è meglio che dopo. A volte, una consulenza aggiuntiva con la famiglia e gli amici più stretti può aiutare a creare un sistema di supporto positivo che può sostenerla nel processo di recupero in corso.

Il recupero è un processo!

La vita non si ferma solo perché è in trattamento da qualche settimana o mese. Se si sente un po' nervoso nel riprendere la vita dopo il trattamento, non si preoccupi. Un po' di ansia è normale e dimostra che sta pensando alle sfide che l'attendono. Sia positivo sulla sua nuova vita senza sostanze, ma non si aspetti che tutto sia perfetto. Le aspettative irrealistiche e l'eccessiva fiducia possono predisporre alla delusione e al potenziale fallimento.

Cosa fare se ha una ricaduta

La ricaduta è un contrattempo, sì, ma non è la fine del mondo. L'importante è tornare in pista il prima possibile. Questo può richiedere la partecipazione a riunioni, la ricerca di una consulenza o un possibile ritorno al trattamento. Sia onesto con la sua famiglia e gli amici fidati. Sono le persone più colpite da una ricaduta e probabilmente saranno delusi e arrabbiati. Tuttavia, avrà bisogno del loro incoraggiamento e sostegno.
Pensi ad una ricaduta avvenuta come un dosso nella strada, ma non un fallimento. Anzi, può essere una potente esperienza di apprendimento che aumenta la sua consapevolezza dei fattori scatenanti, le fa praticare ancora di più gli strumenti appresi e cercare aiuto. Ci sono buone possibilità che eviti ricadute future.

Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2015-03-26 22:58:35 e tradotto in Italiano nel 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati