Cos’è la riduzione del danno?

La riduzione del danno consiste in alcune politiche e strategie ideate per ridurre gli effetti negativi dell'abuso di sostanze. Le politiche, che variano molto, si basano sul rispetto dei diritti umani per tutte le persone, comprese quelle che non sono pronte o disposte a smettere di usare droghe e alcol.

I tentativi di riduzione del danno sono sempre stati controversi, a partire dagli anni '80 quando furono creati i programmi di condivisione degli aghi per frenare la rapida diffusione dell'HIV/AIDS. Il concetto ha oppositori molto rumorosi e alcuni pensano che la riduzione del danno dia un timbro di approvazione all'uso di droghe e alcol.

Compassione, dignità e qualità della vita

I sostenitori della riduzione del danno riconoscono che l'uso di droghe e alcol è una realtà e l'uso continuo è inevitabile. I problemi associati alla droga e all'alcol, inclusi il crimine, i problemi di salute e le famiglie distrutte, sono pienamente riconosciuti. Tuttavia, le strategie di riduzione del danno tentano di minimizzare le conseguenze dell'uso di droghe e alcol, mantenendo così più persone al sicuro e lontane dal pericolo.

I sostenitori della riduzione del danno riconoscono anche che l'abuso di sostanze è complesso e può variare da un uso leggero e sporadico, dove non è necessario alcun trattamento, ad un abuso grave. Mentre viene offerto un trattamento senza giudizio e gli utenti vengono incoraggiati a ridurre o smettere, anche le persone che non sono disposte a iniziare un trattamento di droghe e alcol o una riabilitazione sono degne di gentilezza e rispetto.

I programmi di riduzione del danno non sono mai di natura forzata o coercitiva, e gli utenti di droghe e alcol hanno una voce importante nello sviluppo delle politiche.

Esempi di programmi di riduzione del danno

La maggior parte dei programmi di riduzione del danno sono semplici e relativamente poco costosi, come la condivisione degli aghi, i programmi di guida designata, una maggiore disponibilità di taxi per ridurre la guida in stato di ebbrezza, o programmi che incoraggiano il sesso sicuro invece dell'astinenza totale per i giovani. Altri programmi sono più complessi, tra cui:

  • Fornire alla polizia, alle prigioni, agli operatori dei servizi di emergenza e agli amici e alle famiglie dei consumatori di droghe il naloxone, un farmaco poco costoso che salva la vita invertendo i sintomi della depressione respiratoria associata all'overdose di oppioidi. Il naloxone, che fa effetto molto rapidamente, è già disponibile in molti paesi e in alcune aree degli Stati Uniti.
  • Creazione di protezioni legali per le persone che chiamano la polizia o i servizi di emergenza per segnalare un'overdose di droga - una strategia spesso conosciuta come legge del buon samaritano. Molte persone hanno paura di chiamare aiuto quando un amico è in overdose per paura dell'arresto e del carcere.
  • Terapie di sostituzione della droga in cui ai consumatori di eroina vengono forniti oppiacei più blandi e legali come il metadone o la buprenorfina. I farmaci, somministrati sotto supervisione medica, forniscono maggiore stabilità e permettono alle persone di vivere una vita più produttiva. I programmi di sostituzione della droga sono disponibili in molti paesi e in alcune aree degli Stati Uniti, dove hanno ridotto i costi associati al crimine e alle cure mediche d'emergenza.
  • Creazione di strutture d'iniezione sorvegliate dove i consumatori di droga ricevono siringhe igieniche e forniture per la somministrazione della droga, accesso all'assistenza medica ed educazione sull'uso sicuro degli strumenti d'iniezione. I programmi di iniezione supervisionata stanno già funzionando con successo in molti paesi del mondo e sono previsti programmi pilota per San Francisco e New York.
  • Riconoscimento che non esistono trattamenti unici per la dipendenza da droghe e alcol. I trattamenti, compresi i programmi in 12 passi che non sono utili per tutte le persone, sono disponibili ma non obbligatori.
Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2017-11-19 14:52:16 e tradotto in Italiano nel 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

4 × 2 =

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati