Cos’è la terapia cognitivo-comportamentale?

La Terapia Cognitiva Comportamentale (CBT) è un tipo di terapia di conversazione creata negli anni '60. A differenza della terapia standard, la CBT si concentra sia sul pensiero che sul comportamento e si occupa della vita nel presente, non di ciò che è successo in passato.

La CBT si basa sull'idea che esiste un forte legame tra pensieri e sentimenti e che molti dei problemi della vita non derivano da eventi stressanti, ma dal significato che attribuiamo a quegli eventi.

Per la maggior parte di noi, il pensiero negativo inizia nell'infanzia. Quando raggiungiamo l'età adulta, i nostri schemi di pensiero sono così consolidati che non siamo nemmeno consapevoli della loro esistenza. La CBT aiuta le persone ad identificare i pensieri distruttivi sepolti da tempo.

L'obiettivo della CBT è creare una partnership tra terapeuta e cliente. Insieme si valuta il pensiero distorto e si elaborano abilità e strategie di risoluzione dei problemi per affrontare le emozioni difficili in modo più costruttivo.

Terapia Cognitiva Comportamentale e Dipendenza

Per le persone che lottano con disturbi di abuso di sostanze e dipendenza, la CBT aumenta la consapevolezza di pensieri e comportamenti distruttivi e le conseguenze che possono derivare. Anche se la CBT di solito consiste in sessioni individuali, a volte viene usata in gruppi o in ambienti familiari.

La CBT, che può essere usata insieme ad altre forme di trattamento della dipendenza, può anche affrontare depressione, ansia, trauma o altri problemi che possono essere alla base della dipendenza.

I trattamenti possono anche aiutare con insonnia, lutto o perdita, dolore cronico, problemi di relazione o altre situazioni di vita stressanti.

Cosa succede in una sessione di CBT?

La terapia cognitivo-comportamentale consiste generalmente in un incontro a settimana, di solito dura un'ora o meno. Le sessioni sono strutturate, di solito iniziano con un piano o un argomento specifico per la giornata. La CBT può includere diverse tecniche, come il journaling, la meditazione mindfulness, l'addestramento all'assertività o vari esercizi per aiutare il cliente a diventare più consapevole degli schemi di pensiero negativi.

Le sessioni generalmente includono una breve discussione sull'incontro precedente e un piano per i compiti che il cliente può fare tra le sessioni.

La CBT funziona?

Numerosi studi suggeriscono che la CBT può portare un cambiamento reale che continua molto dopo la fine della terapia. La CBT ha una durata più breve rispetto alla maggior parte degli altri metodi di trattamento, con miglioramenti che di solito si verificano in cinque-dieci mesi, o a volte già in otto-dieci settimane.

La terapia cognitivo-comportamentale non è un miracolo e funziona solo per le persone che sono pronte ad impegnarsi in una partnership collaborativa con il terapeuta e disposte ad investire tempo e sforzi nei compiti settimanali.

Come trovare un terapeuta CBT

Se pensa che la terapia cognitivo-comportamentale possa essere utile per lei, chieda al suo medico di riferimento. Se lotta contro l'abuso di sostanze o la dipendenza, la maggior parte dei centri di trattamento e riabilitazione hanno terapisti CBT nello staff.

Assicurati che il tuo terapista sia autorizzato e certificato e che abbia esperienza con il tuo problema specifico. Sia aperto e onesto con il suo terapeuta e si attenga al piano che entrambi elaborate. Sia paziente. La CBT funziona più rapidamente di molti altri trattamenti, ma richiede comunque duro lavoro e persistenza.

Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2018-07-15 11:43:08 e tradotto in Italiano nel 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

quattro + 18 =

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati