Latest

Negligenza affluente

La società esprime grande preoccupazione per i bambini poveri e con pochi mezzi e per la maggiore probabilità che non abbiano accesso all'assistenza sanitaria e all'istruzione, o che si diano alla droga o al crimine in età adulta. Si presta meno attenzione ai figli di genitori benestanti che hanno la loro serie di problemi. La…

Legga di più

Che cos’è la terapia comportamentale dialettica?

La terapia comportamentale dialettica (DBT), sviluppata da Marsha Linehan, Ph. negli anni '80, è un tipo di terapia della parola originariamente progettata per persone ad alto rischio con tendenze suicide con diagnosi di disturbo borderline di personalità. Oggi, la DBT è usata per trattare le persone alle prese con una serie di emozioni complesse e…

Legga di più

Benefici dello yoga nel trattamento delle dipendenze

In termini generali, lo yoga è un esercizio che apporta benefici al corpo, alla mente e allo spirito attraverso l'integrazione di tecniche di respirazione, esercizi di rafforzamento, posture e meditazione. Ci sono molti tipi di yoga; tutti sono vantaggiosi. Sebbene lo yoga sia una pratica secolare, è una modalità di trattamento relativamente nuova nel campo…

Legga di più

Che cos’è la terapia comportamentale dialettica?

La terapia comportamentale dialettica (DBT), sviluppata da Marsha Linehan, Ph. negli anni '80, è un tipo di terapia della parola originariamente progettata per persone ad alto rischio con tendenze suicide con diagnosi di disturbo borderline di personalità. Oggi, la DBT è usata per trattare le persone alle prese con una serie di emozioni complesse e…

Legga di più
precedente
/
prossimo

Cos’è un “Dry Drunk”?

Il termine "ubriaco secco" è usato, spesso in modo dispregiativo, per descrivere una persona che non beve più o fa uso di droghe, ma che non ha affrontato i problemi che hanno contribuito al comportamento di dipendenza in primo luogo.

Le persone spesso si rivolgono a droghe e alcol per affrontare depressione, ansia o stress. Gli ubriachi secchi spesso hanno scarse capacità di coping e non sono riusciti ad affrontare questioni difficili. Così, le voglie fisiche di droga o alcol possono essere sparite, ma il comportamento di dipendenza e i problemi psicologici continuano a causare problemi all'individuo e alla sua famiglia e agli amici.

La sindrome dell'ubriaco secco non è un termine medico formale e alcune persone negano persino l'esistenza del problema. Tuttavia, il termine è molto usato nella comunità di recupero, dove è conosciuto anche come "sobrietà da nocche bianche". Un ubriaco secco può anche essere descritto come un "alcolista non consumatore".

Alcune persone credono erroneamente che una disintossicazione riuscita sia sufficiente e che non sia necessario un ulteriore trattamento di dipendenza o riabilitazione, ma molti professionisti della dipendenza vedono un ubriaco secco come una bomba a orologeria ambulante, o un relapse che aspetta solo di accadere.

NIDA (The National Institute for Drug Abuse) concorda che disintossicarsi è solo il primo passo nel processo di recupero e che senza terapia il rischio di ricaduta è alto. Smettere di usare droghe o alcol è solo il primo passo.

La dipendenza è una malattia complicata, ma gli ubriachi secchi condividono diverse caratteristiche comuni che possono servire anche come segnali di avvertimento. Un ubriaco secco può:

  • Dare per scontato il recupero, diventando compiacente e non mettendo alcuno sforzo reale per stare bene.
  • Essere arrabbiato per aver rinunciato alla droga o all'alcol. Gli ubriachi secchi spesso soffrono per i cambiamenti di stile di vita associati al recupero e possono trovare difficile lasciar andare la rabbia o il rimpianto.
  • Fantasticare o romanzare l'uso di droghe o alcol; dimenticando la miseria e il dolore causati dalla dipendenza.
  • Tornare a dipendenze "sostitutive" come gioco d'azzardo, mangiare troppo o pornografia.
  • Provare molta autocommiserazione per aver fatto un sacrificio così grande. Possono sentirsi traditi quando la sobrietà non è così facile come si aspettavano.
  • Incolpare gli altri per la loro infelicità. Gli ubriachi secchi sono spesso arrabbiati con partner, familiari o amici che li hanno spinti a smettere di bere.
  • Esprimono invidia verso le persone che hanno successo nel recupero, o rabbia verso le persone che riescono a bere con moderazione senza diventare dipendenti.
  • Hanno paura di fallire e paura di vivere la vita senza fare affidamento su droghe o alcol come sostegno.
  • Mostrano scarso controllo impulsivo, con poca preoccupazione per come le loro azioni influenzano le altre persone.
  • Tendono ad essere irritabili e facilmente distratti, con una bassa tolleranza allo stress quotidiano.
  • Tendono ad essere egocentrici e a giudicare gli altri in fase di recupero.
  • Esitano ad ammettere l'esistenza di un problema e non sono disposti a cercare aiuto o consigli.

Cosa fare se pensa che lei (o una persona cara) possa essere un ubriaco secco

Il primo passo è ammettere di avere ancora un problema di abuso di sostanze o di dipendenza.

Evitare la negazione affrontando di petto i problemi fastidiosi. A questo punto, è meglio cercare droga e trattamento alcolico o riabilitazione, che possono aiutarla a lavorare sui problemi che hanno contribuito alla sua dipendenza.

Sia realista. Si ricordi che il recupero comporta sempre giorni buoni e giorni cattivi. Un cattivo giorno occasionale non significa che lei sia un ubriacone a secco. Tuttavia, è importante prendere sul serio le sue preoccupazioni, perché le questioni irrisolte possono portare a una grave dipendenza e, in alcuni casi, al suicidio.

Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2016-10-26 10:36:50 e tradotto in Italiano nel 2021

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati