Dipendenza da oppiacei nelle donne

Il National Institute on Drug Abuse (NIDA) riferisce che mentre sia uomini che donne possono diventare dipendenti, la dipendenza da oppiacei colpisce uomini e donne in modo molto diverso.

NIDA riferisce che le donne subiscono più danni al cuore e ai vasi sanguigni. Le donne sono anche più propense a recarsi al pronto soccorso e hanno più probabilità di morire per overdose.

Le donne tendono anche a sperimentare voglie più forti e hanno più probabilità di ricadere dopo il completamento del trattamento di droga e alcol o della riabilitazione. I ricercatori non sono sicuri che le voglie siano associate al ciclo mestruale.

Come fanno le donne a diventare dipendenti dagli oppiacei?

Le donne provano più dolore cronico degli uomini e sono più propense a recarsi dal medico per ottenere aiuto per alleviare il dolore. I medici tipicamente distribuiscono più prescrizioni alle donne e generalmente prescrivono antidolorifici oppioidi per periodi di tempo più lunghi.

Come risultato, le donne non solo hanno un accesso più facile agli antidolorifici, ma passano dall'uso iniziale alla dipendenza più rapidamente degli uomini. Quando le donne decidono di smettere, l'astinenza può essere più intensa.

La ricerca indica anche che le donne dipendenti da oppiacei hanno una maggiore incidenza di ansia, depressione e disturbi alimentari rispetto alle loro controparti maschili. I ricercatori non sono sicuri se i problemi di salute mentale inducano le donne ad automedicarsi con gli antidolorifici o se sia vero il contrario.

Dipendenza da oppiacei nelle donne: Uso di oppioidi in gravidanza

L'uso di farmaci oppioidi è rischioso per le donne e presenta gravi minacce per i loro figli non ancora nati. Le donne che fanno uso di droghe oppioidi hanno maggiori probabilità di incorrere in un aborto spontaneo e il rischio di parto morto è da due a tre volte maggiore rispetto alle donne che non fanno uso di droghe oppioidi.

Le donne possono anche avere la pressione alta e altri problemi che possono colpire sia la madre che il bambino.

I bambini nati da donne dipendenti da oppioidi possono andare in astinenza dopo la nascita, una condizione nota come sindrome da astinenza neonatale (NAS). La gravità della sindrome da astinenza neonatale dipende da diversi fattori, tra cui per quanto tempo la madre ha usato droghe oppioidi e quanta sostanza è stata usata.

I Centers for Disease Control (CDC), stima che quasi sei su ogni 1.000 bambini nati negli Stati Uniti vengono diagnosticati con la sindrome da astinenza neonatale. Il numero potrebbe in realtà essere molto più alto perché non tutti gli stati raccolgono dati pertinenti.

I sintomi tipici della sindrome da astinenza neonatale includono:

  • Tremore
  • Sudorazione
  • Vomito
  • Diarrea
  • Sequestri
  • Deidratazione
  • Pelle a chiazze
  • Frequenza
  • Pianto eccessivo pianto
  • Irritabilità
  • Pelle a chiazze
  • Problemi alimentari

L'uso di oppioidi in gravidanza può anche causare i seguenti problemi ai neonati:

  • Difetti alla nascita
  • Peso ridotto
  • Nascita prematura
  • Testa piccola
  • Problemi di memoria e apprendimento
  • Problemi comportamentali
  • Ritardi nello sviluppo mentale o fisico
  • Difficoltà a controllare le emozioni
  • Sindrome della morte improvvisa del neonato (SIDS)

Dipendenza da oppioidi nelle donne: Anche il trattamento è diverso

Gli uomini sono più propensi a cercare un trattamento per la dipendenza da oppioidi, probabilmente a causa dell'aspettativa della società che le donne siano tenute ad essere buone madri, mogli e custodi. Lo stigma che ne deriva è una barriera per molte donne.

Frequentemente, le donne dipendenti da oppioidi sono riluttanti a cercare aiuto per paura che i loro figli possano essere portati via dal sistema legale. Inoltre, è spesso difficile per le donne bilanciare le responsabilità della famiglia e del lavoro.

Molte donne, soprattutto quelle vittime di violenza sessuale o domestica, si sentono a disagio con i consulenti uomini, quindi rispondono meglio a consulenti donne. Allo stesso modo, tendono a preferire un trattamento specifico per genere rispetto a gruppi misti.

Il National INstitute of Health (NIH) riferisce che sebbene le donne siano meno propense a cercare un trattamento o una riabilitazione da droghe rispetto agli uomini, hanno lo stesso successo una volta entrate nel trattamento.

Cercare il trattamento

Se è dipendente da droghe oppioidi, non aspetti a cercare un trattamento; il problema non farà che peggiorare senza aiuto.

Se è incinta, cerchi immediatamente aiuto medico e non cerchi mai di smettere di usare droghe oppioidi da sola. Smettere improvvisamente può mettere a rischio il suo bambino non ancora nato.

Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2018-08-15 10:45:44 e tradotto in Italiano nel 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

8 − 5 =

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati