Dipendenza nelle carceri e nelle prigioni: Un nuovo approccio

Un recente articolo di Upworthy.com racconta una storia in cui un carcere della Virginia ha collaborato con un'organizzazione locale di trattamento delle dipendenze per affrontare un problema di dipendenza da eroina in rapida espansione tra i detenuti.

Invece di limitarsi ad immagazzinare i detenuti, i funzionari della prigione hanno adottato un approccio rivoluzionario, incentrato sul trattamento, che riconosce il diritto di ogni persona alla compassione, alla comprensione e alla cura.

Il programma ha fornito ai detenuti un trattamento professionale e cure mediche per affrontare la malattia della dipendenza a lungo termine, invece di una benda temporanea in cui le persone sono intrappolate in un ciclo infinito di dipendenza, crimine, disintossicazione e ricaduta. Il risultato è stato un successo notevole ad un costo di 800 dollari per detenuto all'anno, molto meno del costo di un periodo prolungato in carcere.

Anche lo Stato del Kentucky ha adottato un approccio più illuminato, emanando riforme che enfatizzano il trattamento rispetto all'incarcerazione, risparmiando così allo Stato milioni di dollari che possono essere usati per altri servizi vitali come infrastrutture, istruzione e assistenza all'infanzia.

Entrambi i programmi pongono l'accento sul trattamento come la terapia, l'educazione all'abuso di droghe, i gruppi di sostegno e lo sviluppo di abilità,

Dipendenza e prigioni: Le statistiche

Dagli anni '80, la popolazione carceraria negli Stati Uniti è aumentata di quasi il 600%, quasi la metà riguarda reati legati alla droga. L'approccio attuale non è un uso efficace del denaro pubblico e, sfortunatamente, la prigione può essere il posto peggiore in assoluto per i tossicodipendenti.

Secondo il Pew Charitable Trusts, circa due terzi dei 2,3 milioni di detenuti in prigione in America soddisfano i criteri diagnostici per abuso di sostanze o dipendenza, e un numero significativo ha commesso il suo crimine mentre era sotto l'influenza.

Nonostante questi numeri elevati, uno studio del 2009 ha rivelato che meno del 30 per cento delle prigioni ha un qualsiasi tipo di protocollo detox in atto. Solo circa l'11% dei detenuti tossicodipendenti riceve un trattamento e pochissimi hanno accesso a nuovi farmaci che riducono le voglie e li aiutano a smettere in sicurezza.

Alcuni detenuti gravemente dipendenti muoiono durante l'astinenza non supervisionata perché non sempre è disponibile l'attenzione medica per alleviare le loro sofferenze. Altri muoiono per overdose subito dopo il rilascio.

I prigionieri e l'alto rischio di morte per overdose

Le prime due settimane dopo il rilascio dal carcere sono pericolose per i tossicodipendenti, e il rischio di overdose è estremamente alto. La maggior parte dei detenuti tossicodipendenti ricomincia subito a usare droghe e troppo spesso non sopravvive all'esperienza. Anche coloro che sono stati incarcerati per un periodo relativamente breve non si rendono conto che la tolleranza diminuisce durante il periodo dietro le sbarre e che il corpo non è più in grado di gestire lo stesso dosaggio che erano abituati a prendere prima di entrare in prigione.

Guadagnare benessere ed evitare la galera: Drug and Alcohol Treatment and Rehab

I pericoli dell'abuso di sostanze a lungo termine sono considerevoli e il crimine legato alla dipendenza porta spesso a problemi legali e all'incarcerazione. Se sta lottando contro l'abuso o la dipendenza da sostanze, il trattamento droga e dipendenza dall'alcol o la riabilitazione possono aiutarla a tornare ad una vita normale e produttiva senza il rischio di passare del tempo in prigione o nel carcere.

Cerca aiuto il prima possibile; la dipendenza da droga e alcol raramente migliora senza aiuto.

Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2017-03-05 22:24:03 e tradotto in Italiano nel 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

otto + diciannove =

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati