Latest

Negligenza affluente

La società esprime grande preoccupazione per i bambini poveri e con pochi mezzi e per la maggiore probabilità che non abbiano accesso all'assistenza sanitaria e all'istruzione, o che si diano alla droga o al crimine in età adulta. Si presta meno attenzione ai figli di genitori benestanti che hanno la loro serie di problemi. La…

Legga di più

Che cos’è la terapia comportamentale dialettica?

La terapia comportamentale dialettica (DBT), sviluppata da Marsha Linehan, Ph. negli anni '80, è un tipo di terapia della parola originariamente progettata per persone ad alto rischio con tendenze suicide con diagnosi di disturbo borderline di personalità. Oggi, la DBT è usata per trattare le persone alle prese con una serie di emozioni complesse e…

Legga di più

Benefici dello yoga nel trattamento delle dipendenze

In termini generali, lo yoga è un esercizio che apporta benefici al corpo, alla mente e allo spirito attraverso l'integrazione di tecniche di respirazione, esercizi di rafforzamento, posture e meditazione. Ci sono molti tipi di yoga; tutti sono vantaggiosi. Sebbene lo yoga sia una pratica secolare, è una modalità di trattamento relativamente nuova nel campo…

Legga di più

Che cos’è la terapia comportamentale dialettica?

La terapia comportamentale dialettica (DBT), sviluppata da Marsha Linehan, Ph. negli anni '80, è un tipo di terapia della parola originariamente progettata per persone ad alto rischio con tendenze suicide con diagnosi di disturbo borderline di personalità. Oggi, la DBT è usata per trattare le persone alle prese con una serie di emozioni complesse e…

Legga di più
precedente
/
prossimo

Il concetto di riduzione del danno: Un approccio pragmatico

La riduzione del danno, un approccio pragmatico al trattamento della droga e dell'alcol, riconosce che la dipendenza è una malattia complessa e che le persone dipendenti si trovano in vari stadi della loro volontà a cambiare. Riconosce che alcune persone non sono pronte o disposte a tentare l'astinenza o persino a ridurre il consumo, anche quando è in gioco la salute personale.

La riduzione del danno sostiene il miglioramento personale incoraggiando le persone ad assumersi la responsabilità del loro comportamento e a fare piccoli cambiamenti incrementali che migliorano il benessere generale. I sostenitori degli approcci di riduzione del danno credono che per alcune persone la riduzione del danno sia l'unica alternativa possibile. In alcuni casi, gli individui con dipendenza sono così poco disposti a tentare l'astinenza completa che tentare di forzare la questione può ritorcersi contro e fare più male che bene. Moderare il comportamento e controllare l'uso possono essere gli unici modi per ridurre il danno.

Fondamentalmente, un approccio di riduzione del danno permette a clinici e terapeuti di incontrare le persone dove sono e di trattare ogni persona con dignità, rispetto e compassione senza esprimere giudizi critici su dove ogni persona "dovrebbe" essere.

Una politica di riduzione del danno migliora la vita e la salute non solo per la persona dipendente, ma per la sua famiglia e la comunità più grande.

La riduzione del danno non è un approccio "tutto è permesso" all'abuso di sostanze e alla dipendenza. Non incoraggia o promuove l'abuso continuato di sostanze e non ignora le molte possibili conseguenze dell'uso continuato. La riduzione del danno è un approccio neutrale che non condanna né condona il comportamento distruttivo.

L'astinenza è un risultato altamente desiderato, ma ci sono altri modi per sostenere gli sforzi individuali per fare cambiamenti positivi. L'obiettivo non è necessariamente quello di eliminare del tutto l'uso, ma di ridurre le conseguenze negative associate all'abuso continuato di sostanze.

Per esempio, un approccio di riduzione del danno:

  • Supporta le persone offrendo educazione sui modi per prevenire o ridurre i possibili pericoli e l'esposizione a situazioni rischiose come lo spaccio di droga e altre attività criminali.
  • Sottolinea la capacità di ogni individuo di prendere decisioni e prendersi cura di se stesso.
  • Fornisce consulenza per depressione, ansia, o altri problemi di salute mentale che sono spesso associati all'abuso di sostanze.
  • Crea connessioni utili con organizzazioni della comunità o altre fonti di sostegno.
  • Accetta e sostiene le persone mentre lavorano attraverso la scoperta di sé stesse che porta a un miglioramento del processo decisionale e della qualità della vita.
  • Offre suggerimenti pratici per un uso più sicuro e una riduzione del rischio, come consigliare alle persone di non bere o usare droghe quando sono sole, incoraggiare dipendenti da eroina a usare aghi puliti per prevenire la trasmissione di malattie, e a smaltire correttamente gli aghi usati.

Alcuni professionisti del trattamento credono che un approccio di riduzione del danno sia destinato a fallire prima o poi, mentre molti tossicodipendenti in fase di recupero affermano che è l'unico modo per fare i cambiamenti necessari e, col tempo, liberarsi gradualmente dall'uso dannoso e dalla dipendenza.

Crediamo che la riduzione del danno non sia sempre fattibile e possa non essere la risposta per tutti, ma a chi desidera fare un tentativo dovrebbe essere offerta questa opportunità. In molti casi, la riduzione del danno non solo può migliorare la salute e il benessere, ma può portare a una vita più lunga, più felice e più produttiva.

Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2015-09-03 17:40:35 e tradotto in Italiano nel 2021

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati