Latest

Negligenza affluente

La società esprime grande preoccupazione per i bambini poveri e con pochi mezzi e per la maggiore probabilità che non abbiano accesso all'assistenza sanitaria e all'istruzione, o che si diano alla droga o al crimine in età adulta. Si presta meno attenzione ai figli di genitori benestanti che hanno la loro serie di problemi. La…

Legga di più

Che cos’è la terapia comportamentale dialettica?

La terapia comportamentale dialettica (DBT), sviluppata da Marsha Linehan, Ph. negli anni '80, è un tipo di terapia della parola originariamente progettata per persone ad alto rischio con tendenze suicide con diagnosi di disturbo borderline di personalità. Oggi, la DBT è usata per trattare le persone alle prese con una serie di emozioni complesse e…

Legga di più

Benefici dello yoga nel trattamento delle dipendenze

In termini generali, lo yoga è un esercizio che apporta benefici al corpo, alla mente e allo spirito attraverso l'integrazione di tecniche di respirazione, esercizi di rafforzamento, posture e meditazione. Ci sono molti tipi di yoga; tutti sono vantaggiosi. Sebbene lo yoga sia una pratica secolare, è una modalità di trattamento relativamente nuova nel campo…

Legga di più

Che cos’è la terapia comportamentale dialettica?

La terapia comportamentale dialettica (DBT), sviluppata da Marsha Linehan, Ph. negli anni '80, è un tipo di terapia della parola originariamente progettata per persone ad alto rischio con tendenze suicide con diagnosi di disturbo borderline di personalità. Oggi, la DBT è usata per trattare le persone alle prese con una serie di emozioni complesse e…

Legga di più
precedente
/
prossimo

Il lato nascosto del K-Pop: un esempio straziante del tributo che la fama può assumere sulla nostra salute

Il numero crescente di star del K-pop che si suicidano ha lasciato molti a chiedersi se il fandom tossico e la ricerca della perfezione da parte dell'industria sono andati troppo oltre.

 

Nell'ottobre 2019, la star del K-pop e attrice sudcoreana Sulli, nata Choi Jin-rin, si è suicidata a soli 25 anni. Un mese dopo, anche la collega star del K-pop Goo Hara, 28 anni, si è tolta la vita. Sfortunatamente, questi tragici eventi si aggiungono a una lunga lista di decessi legati alla salute mentale nel settore. Di conseguenza, i fan stanno diventando sempre più consapevoli del prezzo che la celebrità K-pop assume sulla salute di un individuo. In particolare, K-pop, abbreviazione di musica popolare coreana, è una versione più rigorosa del Sistema di idol giapponese. Questo sistema mira a produrre un'immagine di perfezione che consenta all'individuo di fungere da modello, assicurando così una base di fan dedicata ai consumatori. Per farlo, le agenzie coreane addestrano bambini pre-adolescenti, spesso privi di esperienza, a diventare delle star. L'addestramento può essere brutale, a volte della durata di 16 ore al giorno. L'etichetta controlla le loro diete, l'uso del cellulare e proibisce gli appuntamenti. Quest'ultimo è per garantire quella che il Guardian definisce in modo toccante l'immagine delle star femminili del K-pop “sessualmente desiderabili ma inesperte”. Inoltre, non è raro che il loro contratto preveda che, una volta acquisito il successo, debbano pagare l'etichetta per la formazione precedente. Pertanto, molte di queste stelle devono lavorare gratuitamente per anni. Di conseguenza, l'immensa pressione, la perdita di autonomia sia personale che finanziaria e il controllo pubblico stanno mettendo a dura prova la salute mentale di queste celebrità.

 

Inoltre, a causa dell'impatto della globalizzazione del XXI secolo, il K-pop si è evoluto in un fenomeno globale sempre più sessualizzato (Lie, 2014). Di conseguenza, queste star devono fare i conti con una nuova categoria di fan devoti. Ad esempio, in Corea del Sud, puoi noleggiare un taxi per inseguire le tue star K-pop preferite a una velocità di 125 miglia orarie. Si può immaginare quanto terrore possa suscitare in un diciottenne. Dall'altra parte dello spettro, il fandom del K-pop ha dato origine a una forma attivamente aggressiva di "anti-fan" che ha portato il cyberbullismo a un nuovo livello terrificante. La Paracelsus Recovery osserva che le star possono soffrire di un'immensa solitudine perché "molte delle loro interazioni si basano sulla loro immagine pubblica piuttosto che sul loro io privato". Le star del K-pop hanno un'esperienza accresciuta di questo, che Sulli ha cercato di articolare quando è apparsa in The Night with Hate Comments e ha detto che "la mia vita è in realtà vuota, quindi mi sento come se stessi mentendo a tutti fingendo di essere felice all'esterno". Inoltre, un numero crescente di star del K-pop sta iniziando a parlare e riconoscere casi di grave violenza sessuale da parte di individui in posizioni manageriali ed esecutive. Ne derivano abusi sessuali, profonde cicatrici emotive per molti anni a venire, spesso sotto forma di PTSD, ansia o depressione...

Alcuni giornalisti (Kan, 2019Kretschmer; 2019) hanno sostenuto che le questioni che permeano la cultura K-pop riflettono questioni strutturali più ampie al lavoro nella società sudcoreana. In particolare, gli autori suggeriscono che i valori patriarcali, la stigmatizzazione dei problemi mentali e le immense pressioni esercitate sui giovani stiano ostacolando la salute mentale collettiva della Corea del Sud. Ad esempio, la Corea del Sud ha il più alto tasso di suicidi tra tutti i paesi OCSE, e c'è un tabù sociale verso la ricerca di un aiuto professionale. Sia Sulli che Goo-Hara hanno cercato di aprirsi sui social media riguardo alle loro battaglie sulla salute mentale. Tuttavia, a causa dello stigma prevalente, entrambi hanno attirato di conseguenza l'odio. Tuttavia, il giornalista Fabian Kretschmer osserva che a causa di queste tragedie, la consapevolezza sta crescendo. La generazione più giovane sta ora affrontando sia lo stigma prevalente della salute mentale sia le pressioni esercitate su di loro. Kretschmer afferma con forza che anche se il cambiamento richiederà tempo, "è inarrestabile".

 

Riferimenti

Brierley, K. (2019). K-Pop Star Suicides: quando la ricerca della perfezione uccide SRF: CULTURA. 10 dicembre. Estratto da: https://www.srf.ch/kultur/musik/suizide-unter-k-pop-stars-wenn-das-streben-nach-perfektion-toedlich-ist.

Kang, H. (2019). Come la morte di una star del K-pop rivela la verità sulla nostra società. Il Washington Post: opinioni globali. 15 ottobre. Estratto da: https://www.washingtonpost.com/opinions/2019/10/15/how-k-pop-stars-death-reveals-truth-about-our-society/.

Bugia, J. (2014). K pop: musica popolare, amnesia culturale e innovazione economica in Corea del Sud. SU: California.

McCurry, J. (2019). K-pop sotto esame per "fandom tossico" dopo la morte di Sulli. The Guardian: Musica. 18 ottobre. 246. Estratto da: https://www.theguardian.com/music/2019/oct/18/k-pop-under-scrutiny-over-toxic-fandom-after-death-of-sulli.

Nikisha. (2019). Successo e suicidio: il lato oscuro del mondo K-pop sudcoreano. WTX news. 4 dicembre. Estratto da: https://wtxnews.com/2019/12/04/success-and-suicide-the-dark-side-of-south-koreas-k-pop-world/.

Omar, A. (2019). Showbiz: Sulli depresso voleva lasciare "Reply Night", SM lento a proteggere l'idolo da commenti dannosi? New Straits Times: life style. 17 dicembre. Estratto da: https://www.nst.com.my/lifestyle/groove/2019/10/530773/showbiz-depressed-sulli-wanted-leave-reply-night-sm-slow-protect.

Paracelsus Recovery. (2017). Come la violenza sessuale può alterare il cervello femminile. Paracelsus Recovery Blog. 19 aprile. Estratto da: https://www.paracelsus-recovery.com/it/blog-it/come-la-violenza-sessuale-puo-alterare-il-cervello-femminile/.

Paracelsus Recovery. (2019). Il legame tra dipendenza, malattia mentale e fama. Paracelsus Recovery Blog. 11 dicembre. Estratto da: https://medium.com/@ParacelsusRehab/the-link-between-addiction-mental-illness-and-fame-caf414836163.

Paracelsus Recovery. (2019). Il centro di cura più esclusivo e discreto al mondo — In Svizzera. Estratto da: https://www.paracelsus-recovery.com/it/.

L'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico. (2019). Tassi di suicidio (indicatore). Accesso: 17 dicembre 2019. Doi: https://data.oecd.org/healthstat/suicide-rates.htm.

Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2019-12-18 11:57:50 e tradotto in Italiano nel 2021

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati