Importanza di un microbioma intestinale sano

La maggior parte delle persone pensa che la dipendenza sia una malattia che colpisce il cervello, ma sembra che disturbi dell'umore, della salute mentale e della dipendenza come depressione, disturbo bipolare, ansia e disordine di personalità borderline sono anche direttamente associati alla salute dell'intestino.

Conosciuto anche come microbioma intestinale, l'intestino è composto da più di 500 tipi diversi di batteri e trilioni di organismi che fanno molto di più che aiutarci a digerire il cibo.

In effetti, l'intestino è collegato al cervello tramite il nervo cranico più lungo del corpo, che passa attraverso il collo e il torace. Conosciuto come nervo Vagus, fa parte del sistema nervoso enterico (ENS), che consiste di milioni di nervi, ormoni, impulsi elettrici e neurotrasmettitori. Non a caso, l'ENS è spesso conosciuto come "il cervello nell'intestino, o "il secondo cervello"."

Studi sulla relazione tra intestino e dipendenza

La ricerca suggerisce che la salute dell'intestino è associata all'alcolismo, e che uno squilibrio nella flora intestinale può aumentare la possibilità di ricaduta, anche dopo aver completato con successo la terapia farmacologica e trattamento e riabilitazione dall'alcol.

Uno studio europeo ha analizzato i batteri intestinali di sessanta alcolisti, tutti con tassi molto simili di uso di alcol. Ventisei dei partecipanti sono risultati affetti da sindrome dell'intestino che perde, una condizione in cui i rifiuti che normalmente verrebbero espulsi nelle feci vengono assorbiti nel sangue. Dopo due settimane di riabilitazione, questi partecipanti mostravano pochi miglioramenti e continuavano a manifestare gravi cravings e sintomi di ansia e depressione.

I rimanenti partecipanti, che avevano una flora intestinale sana, stavano recuperando costantemente e mostravano diminuzioni significative nelle voglie e meno sintomi di depressione e ansia.

Un altro studio ha coinvolto ratti a cui è stata data acqua con antibiotici che ha spazzato via quasi tutti i batteri intestinali. I ratti mostravano marcati cambiamenti negativi nella funzione cerebrale e nel comportamento, ma quando le loro piccole budella di ratto sono state riportate ad un microbioma sano, quasi tutti i sintomi comportamentali sono scomparsi.

Sono necessari altri studi prima che gli scienziati possano determinare la relazione tra dipendenza e salute intestinale, ma la ricerca suggerisce che la salute intestinale dovrebbe essere considerata nella droga e trattamento e riabilitazione dall'alcol, con piani di trattamento che riflettano le condizioni del microbioma intestinale di ogni individuo.

In futuro, con trattamenti dietetici, è possibile che il ripristino della salute intestinale possa essere usato per trattare la dipendenza e molti disturbi di salute mentale. È anche possibile che la salute dell'intestino sia collegata a diverse condizioni, compresi i disturbi dello spettro autistico, il morbo di Parkinson, la sclerosi multipla e persino il morbo di Alzheimer.

Migliorare i suoi batteri intestinali

Se è preoccupato per i suoi batteri intestinali, mangi una varietà di frutta e verdura e altri cibi nutrienti facili da digerire, evitando cibi altamente elaborati e zuccherati che sostengono batteri malsani.

Gli esperti consigliano che i cibi fermentati come i crauti o altre verdure in salamoia sono molto benefici. Eviti il sapone antibatterico e usi farmaci antibiotici solo se assolutamente necessario. Eviti lo stress il più possibile.

A Paracelsus

A Paracelsus prendiamo molto sul serio la salute intestinale. Il ripristino di una biochimica sana è una delle nostre massime priorità e un aspetto importante della sobrietà a lungo termine. Forniamo un piano nutrizionale personalizzato con integratori nutrizionali su misura per i bisogni e le esigenze personali di ogni cliente.

Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2016-12-14 00:04:44 e tradotto in Italiano nel 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

nove + 19 =

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati