Le differenze di genere nei sintomi dell’ADHD sono importanti? (Spoiler: sì, molto).

Le ragazze manifestano meno sintomi comportamentali dei ragazzi, il che significa che molte passano anni prima di ricevere una diagnosi. Continua a leggere per scoprire come l'ADHD si manifesta in modo diverso a seconda del sesso.

Il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) è uno dei disturbi del neurosviluppo più comuni nell'infanzia. È causato da bassi livelli di alcuni neurotrasmettitori, soprattutto dopamina e noradrenalina. Questi squilibri provocano i classici sintomi dell'ADHD, come l'eccessivo parlare, l'incapacità di stare fermi, i problemi di concentrazione e l'impulsività.

Sebbene la maggior parte dei bambini mostri i segni dell'ADHD prima dei sette anni, molti rimangono senza diagnosi fino all'età adulta. Purtroppo, molti di questi tendono a essere ragazze. Ad esempio, alcuni studi dimostrano che i ragazzi hanno tre volte più probabilità di ricevere una diagnosi di ADHD rispetto alle ragazze.

Questo non perché l'ADHD sia più comune nei ragazzi, ma perché i ragazzi con ADHD tendono a mostrare sintomi esterni, come impulsività e aggressività. Le ragazze, invece, tendono a lottare maggiormente con sintomi interni, come la bassa autostima o i problemi di concentrazione. Questi possono essere attribuiti a molti altri problemi, rendendo più difficile per genitori e medici individuarli.

Perché il genere influisce sui sintomi dell'ADHD?

I sintomi dell'ADHD sono spesso specifici per il genere perché si tratta di una patologia del neurosviluppo e, come tutti sanno, le ragazze si sviluppano in modo diverso dai ragazzi. Inoltre, l'ADHD coinvolge sostanze neurochimiche che svolgono un ruolo cruciale nel modo in cui ci esprimiamo. Ma poiché anche l'ambiente e l'educazione hanno un impatto su questi tratti, anche le norme di genere possono influenzare le differenze di ADHD tra ragazzi e ragazze. L'esempio più stereotipato è che i ragazzi esprimono spesso la rabbia attraverso l'aggressività fisica, mentre le ragazze tendono a sfogarsi verbalmente.

Per aiutare coloro che temono che il proprio figlio possa essere affetto da ADHD o che si tratti di un caso non diagnosticato, abbiamo chiesto ai nostri esperti di evidenziare i sintomi specifici in base al genere.

Come riconoscere l'ADHD nelle ragazze:

Le ragazze con ADHD di solito non sono così iperattive. Tendono invece a presentare la parte del disturbo legata al deficit di attenzione. Per esempio, è improbabile che una ragazza sia dirompente in classe, ma spesso dimentica i compiti o sogna eccessivamente a occhi aperti.

Altri sintomi includono:

  • Apparenza di isolamento
  • Difficoltà intellettive
  • Disattenzione
  • Aggressività verbale (verso gli altri o verso se stessi)
  • Difficoltà di concentrazione

Gli studi dimostrano che le ragazze con ADHD non trattata sono a rischio di bassa autostima, di risultati insufficienti, di depressione, di ansia, di dipendenza e di disturbi alimentari. Si stima inoltre che quasi il 75% dei casi di ADHD nelle ragazze non venga individuato. Tragicamente, la ricerca mostra anche che le giovani donne con ADHD non diagnosticato hanno tre volte più probabilità di tentare il suicidio o di commettere atti di autolesionismo.

Tuttavia, queste spaventose statistiche si riducono significativamente quando le giovani donne ricevono una diagnosi e ricevono un sostegno adeguato, farmaci e psicoterapia.

Come riconoscere l'ADHD nei ragazzi:

A differenza delle ragazze, i ragazzi con ADHD sono iperattivi. Mostreranno anche i segni più classici come:

  • Impulsività (comportamenti aggressivi)
  • Mancanza di attenzione e problemi di concentrazione
  • Incapacità di stare fermi
  • Aggressività fisica
  • Interruzione frequente delle conversazioni e delle attività degli altri

Tuttavia, indipendentemente dal sesso, l'ADHD non trattata è una condizione difficile da gestire. Può renderti esausto e a disagio nella tua pelle, mentre lotti per impegnarti nelle tue passioni, nelle tue relazioni o nella tua vita. L'impatto che ne deriva può portare ad altre condizioni di salute mentale come ansia e depressione o problemi di abuso di sostanze. Tuttavia, l'ADHD è curabile con un trattamento e un supporto adeguati.

Se pensi che tua figlia o tuo figlio possa avere l'ADHD, rivolgiti a un professionista il prima possibile. Infine, ricorda che l'ADHD si manifesta su uno spettro. Se tuo figlio (o tu) presenta alcuni sintomi, ma non tutti, vale comunque la pena di rivolgersi a un professionista.

Trattamento dell'ADHD presso la Paracelsus Recovery

Al Paracelsus Recovery offriamo programmi di trattamento dell'ADHD approfonditi e completi.

Il nostro team di psicoterapia utilizzerà varie tecniche, come la terapia cognitivo-comportamentale basata sulla mindfulness, per aiutarti ad affrontare eventuali problemi di fondo, condizioni concomitanti e creare strategie per gestire i sintomi dell'ADHD. Lavorerai anche a stretto contatto con il nostro psichiatra interno e con un terapeuta live-in, disponibile per un supporto emotivo 24/7. Se necessario, possiamo anche prescrivere farmaci.

Decenni di ricerche dimostrano che il riposo, l'esercizio fisico e l'alimentazione sono fondamentali per garantire che i sintomi dell'ADHD rimangano gestibili. Per aiutarti a costruire questi pilastri fondamentali della salute, incorporeremo il restauro biochimico e la consulenza nutrizionale nel tuo piano terapeutico dell'ADHD. Inoltre, offriamo varie terapie complementari come lo yoga, l'agopuntura e il massaggio per ripristinare la salute fisica e rafforzare il rapporto mente-corpo.

Clicca qui per saperne di più o contattaci al numero +41 52 624 63 33 per una telefonata confidenziale sulle tue esigenze.

Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2021-11-08 15:30:16 e tradotto in Italiano nel 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

20 − venti =

The newest posts

Our private articles and press releases