Latest

Negligenza affluente

La società esprime grande preoccupazione per i bambini poveri e con pochi mezzi e per la maggiore probabilità che non abbiano accesso all'assistenza sanitaria e all'istruzione, o che si diano alla droga o al crimine in età adulta. Si presta meno attenzione ai figli di genitori benestanti che hanno la loro serie di problemi. La…

Legga di più

Che cos’è la terapia comportamentale dialettica?

La terapia comportamentale dialettica (DBT), sviluppata da Marsha Linehan, Ph. negli anni '80, è un tipo di terapia della parola originariamente progettata per persone ad alto rischio con tendenze suicide con diagnosi di disturbo borderline di personalità. Oggi, la DBT è usata per trattare le persone alle prese con una serie di emozioni complesse e…

Legga di più

Benefici dello yoga nel trattamento delle dipendenze

In termini generali, lo yoga è un esercizio che apporta benefici al corpo, alla mente e allo spirito attraverso l'integrazione di tecniche di respirazione, esercizi di rafforzamento, posture e meditazione. Ci sono molti tipi di yoga; tutti sono vantaggiosi. Sebbene lo yoga sia una pratica secolare, è una modalità di trattamento relativamente nuova nel campo…

Legga di più

Che cos’è la terapia comportamentale dialettica?

La terapia comportamentale dialettica (DBT), sviluppata da Marsha Linehan, Ph. negli anni '80, è un tipo di terapia della parola originariamente progettata per persone ad alto rischio con tendenze suicide con diagnosi di disturbo borderline di personalità. Oggi, la DBT è usata per trattare le persone alle prese con una serie di emozioni complesse e…

Legga di più
precedente
/
prossimo

Informazioni su Cravings

Cravings: tutti li abbiamo di tanto in tanto. Le voglie possono essere relativamente innocenti, come quando abbiamo l'acquolina in bocca per un pasticcino o un cracker salato, o quando sentiamo un forte impulso a perderci navigando in Internet o ci affrettiamo ad acquistare l'ultimo gadget tecnologico. Le voglie più gravi sono spesso associate a sostanze o comportamenti che creano dipendenza come la nicotina, droghe, alcol, sovralimentazione compulsiva o gioco d'azzardo.

Cosa sono le voglie?

Al cervello, il piacere è piacere. Non riesce a distinguere tra pulsioni necessarie come il mangiare o il sesso, che sono richieste per la sopravvivenza della razza umana, e le sensazioni piacevoli provocate da droghe o alcol. La sostanza o l'attività innesca il rilascio di dopamina nel nucleo accumbens del cervello, un ammasso compatto di cellule nervose spesso chiamato "il centro del piacere". Il processo è complicato, poiché la dopamina, una potente sostanza chimica del cervello, è coinvolta anche nella memoria e nell'apprendimento, il che contribuisce al processo di dipendenza - e ai potenti impulsi, o voglie.

Le voglie sono diverse per tutti

Alcune persone possono sperimentare le voglie fisicamente, nel profondo dello stomaco, o possono sentire il cuore che batte forte. A volte le voglie coinvolgono l'odore della sostanza che crea dipendenza, anche quando non c'è. L'ansia, lieve o grave, spesso accompagna le voglie.

Le voglie sono normali e possono verificarsi anche dopo il trattamento o la riabilitazione da droghe o alcol, poiché il cervello continua ad associare la sostanza che dà dipendenza a sensazioni piacevoli. Le voglie possono essere intense nei primi giorni di recupero e possono richiedere molto tempo per svanire, ma alla fine diminuiscono sia in forza che in frequenza.

L'importante è che le voglie vadano riconosciute, non ignorate. Se riesce ad identificare il modo in cui le voglie la colpiscono, è possibile identificarle appena iniziano, il che le rende più facili da gestire.

Coping with Cravings

Imparare come affrontare le voglie è una parte critica del processo di recupero. Se sta sperimentando le voglie, non significa che sta fallendo nel recupero o che la ricaduta è inevitabile. Tuttavia, è importante che le voglie non la sopraffacciano. Ecco alcuni suggerimenti per affrontare le voglie:

  • Anche se le sensazioni sono difficili, le voglie di solito raggiungono il picco e si attenuano relativamente in fretta. Spesso, se riesce ad aspettarle per 15 minuti, le voglie passeranno. Se 15 minuti le sembrano impossibili, cominci a resistere agli stimoli per cinque minuti alla volta. Prometti a te stesso che non lo userai in quel periodo di tempo.
  • Faccia attenzione ai triggers. Per esempio, se file di barrette di cioccolato o bottiglie di vino al supermercato scatenano le voglie, esca e si porti in un posto "sicuro". Se un programma televisivo o una pubblicità scatenano le voglie, cambi il canale. Se passa davanti ad un bar di quartiere familiare mentre va al lavoro, cambi il suo percorso. I fattori scatenanti possono essere suoni, immagini, pensieri o odori, e tutti possono far scattare il desiderio del cervello per quelle sensazioni di piacere.
  • Sia consapevole di come si sente mentalmente e fisicamente perché le voglie sono spesso scatenate da fame, frustrazione, stress, noia o stanchezza. A volte basta uno spuntino o una buona notte di sonno per placare le voglie.
  • Se sente che le voglie stanno avendo la meglio su di lei, ne parli con un amico o con un consulente il prima possibile. Spesso parlare delle voglie può alleviare l'ansia. Tuttavia, faccia attenzione a parlare con persone care che potrebbero temere che lei stia avendo una ricaduta. Potrebbero non rendersi conto che le voglie non portano necessariamente ad agire sugli impulsi.
  • Non si senta in colpa per le voglie. Il senso di colpa può effettivamente scatenare un'ansia che peggiora le voglie.
  • Cambia la tua mentalità. Ascolti musica per distrarsi dalle voglie o faccia una passeggiata. L'attività fisica può essere molto utile.
  • Consideri di imparare la meditazione mindfulness e di praticare la mindfulness nella vita quotidiana, entrambe possono aiutarla a imparare a osservare le voglie oggettivamente e a guardarle rifluire.
Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2016-03-12 12:27:33 e tradotto in Italiano nel 2021

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati