L’epidemia mondiale di oppiacei

L'abuso di droghe oppiacee sta salendo alle stelle in molti Paesi del mondo, scatenando gravi problemi di salute e mali sociali come famiglie distrutte, senzatetto, povertà, abbandono di bambini, crimini violenti e incarcerazione. A volte sembra che non ci sia una fine in vista.

Il National Institute on Drug Abuse (NIDA), stima che a livello globale, tra 26 e 36 milioni di persone abusano di droghe oppiacee. Gli oppiacei includono sostanze naturali come la morfina o l'oppio che vengono estratti dalla pianta del papavero da oppio; o droghe prodotte dall'uomo, come i molti antidolorifici formulati in laboratorio e prescritti dai medici.

L'eroina e altre droghe di strada illegali, che non hanno scopi medici approvati, si prendono la colpa dell'aumento vertiginoso dell'uso di droghe oppiacee. La verità è che gli antidolorifici su prescrizione, che danno molta dipendenza e di cui spesso si abusa, sono responsabili di almeno la metà di tutte le morti dovute all'abuso di oppiacei. La maggior parte sono legittimamente prescritti da medici per alleviare il dolore acuto.

Le statistiche

Secondo l'Ufficio delle Nazioni Unite per la Droga e il Crimine, almeno 190.000 persone nel mondo muoiono prematuramente per uso di droghe ogni anno. La maggior parte di queste morti sono attribuite all'uso di droghe oppiacee.

L'abuso di oppiacei è aumentato in ogni gruppo demografico, dai poveri e senza tetto alla classe media e ai ricchi e privilegiati.

Gli Stati Uniti, l'Europa occidentale e il Canada consumano circa il 95% della fornitura mondiale. Le overdose dovute agli oppiacei, compresa l'eroina, sono responsabili di circa la metà di tutte le morti per droga in Canada. Negli Stati Uniti gli oppiacei sono la principale causa di morte accidentale, causando circa 90 vite ogni giorno e superando persino le morti dovute agli incidenti automobilistici.

Più della metà delle morti legate agli oppiacei sono associate agli antidolorifici su prescrizione, che ora sono considerati tra le droghe più pericolose disponibili, insieme al tabacco e alcol.

Questo non significa però che l'eroina non rappresenti una minaccia. Solo in Inghilterra e Galles le morti che coinvolgono morfina e/o eroina o sono al livello più alto mai registrato. L'uso delle droghe è raddoppiato in soli tre anni tra il 2012 e il 2015.

Gli antidolorifici sono relativamente sicuri per la maggior parte delle persone se presi come raccomandato. Tuttavia, circa un quarto dei destinatari di prescrizioni abusa dei farmaci prescritti. Molti si rivolgono all'eroina, tipicamente poco costosa e facilmente reperibile in strada, quando i loro antidolorifici si esauriscono e i medici non sono più disposti a obbligarli con nuove prescrizioni.

Nuove raccomandazioni per i medici

Il Center for Disease Control negli Stati Uniti e la European Pain Federation hanno emesso raccomandazioni simili per l'uso di oppioidi nella gestione del dolore cronico.

Si consiglia ai medici di:

  • Esaminare attentamente e completamente la storia delle prescrizioni di ogni paziente.
  • Considerare gli oppioidi solo quando si prevede che i benefici superino i rischi.
  • Discutere i rischi e i benefici noti con i pazienti, insieme alla responsabilità del paziente nel gestire l'uso.
  • Stabilire obiettivi di trattamento realistici con ogni paziente, incluso come la prescrizione sarà interrotta se i benefici non superano più i rischi.
  • Prescrivere il dosaggio efficace più basso e nessuna quantità maggiore del necessario.
  • Rivalutare i benefici e i problemi almeno ogni tre mesi.
  • Implementare i test antidroga prima della prescrizione, e successivamente almeno una volta all'anno.
  • Evitare farmaci contenenti una combinazione di oppioidi e benzodiazepine quando possibile.
  • Raccomandare il trattamento per pazienti con disturbo da uso di oppioidi.

Limitare l'uso di antidolorifici oppiacei: Alternative

L'uso di antidolorifici oppiacei dovrebbe essere limitato al dolore estremo, alle cure post-operatorie, al trattamento di fine vita o alle ustioni gravi. Nonostante ciò, l'industria farmaceutica spende ogni anno miliardi di dollari per la promozione e il marketing di farmaci ai medici, e molti medici prescrivono antidolorifici alla prima visita, anche per dolori relativamente minori.

Le alternative agli antidolorifici su prescrizione includono:

  • Ibuprofene, acetaminofene e altri farmaci antidolorifici da banco
  • Agopuntura
  • Trattamento chiropratico
  • Terapia di massaggio
  • Mindfulness meditation
  • Nuoto, stretching, yoga o altri esercizi leggeri
  • Terapia fisica
  • Biofeedback
  • Elettroterapia

Comuni antidolorifici su prescrizione

Di seguito una lista di alcuni degli oppiacei più comunemente prescritti in Europa, Stati Uniti e altrove, insieme ai nomi delle marche:

  • Idrocodone/diidrocodeinone (Zohydro, Lortab, Hysingla)
  • Idromorfone (Exalgo, Dilaudid, Jurnista, Palladone)
  • Oxycodone (OxyContin, OxiNorm, Roxicodone, Oxecta)
  • Morfina (Avinza, Kadian, Ora-Morph, Astramorph, Dolcontin, Oramorph, Malfin)
  • Demerol (Meperidine, Pethidine, Petidin)
  • Fentanyl (Fentora, Duragesic, Actiq, Matrifen, Matrimed, Quatrofen, Durfenta)
  • Codeina (Parakodin, Ardinex)
Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2017-10-29 15:22:33 e tradotto in Italiano nel 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

20 − 15 =

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati