L’obesità colpisce più del girovita

Sappiamo che l'obesità è dura per il corpo, portando potenzialmente ad una serie di condizioni gravi, tra cui il diabete di tipo II, l'ipertensione e alcuni tumori. Questa è una vecchia notizia, ma grazie alla tecnologia e a tipi avanzati di imaging cerebrale, sembra che mantenere un peso normale sia proprio importante per la salute del cervello.

Obesità e memoria

Attraverso una serie di studi scientifici, i ricercatori stanno scoprendo che le persone con un alto indice di massa corporea (BMI) hanno più difficoltà a navigare in una semplice caccia al tesoro e una minore capacità di ricordare la posizione di certi oggetti. Non sorprende che risultati simili siano stati trovati con ratti obesi collocati in un labirinto.

C'è la prova che l'obesità può anche aumentare significativamente il rischio del morbo di Azheimer e di altre malattie neurodegenerative. Una sofisticata mappatura del cervello rivela che gli individui obesi hanno effettivamente tessuti ridotti in diverse aree del cervello, tra cui l'ippocampo, associato alla memoria a lungo termine, e i lobi frontali e temporali, responsabili della memoria e della pianificazione.

L'obesità può anche influenzare la nostra capacità di ricordare eventi passati e di usare quei ricordi per prevedere il probabile esito di eventi futuri.

Gli studi indicano anche che le persone obese hanno una media dell'otto per cento di tessuto cerebrale in meno rispetto alle persone di peso normale, mentre le persone considerate in sovrappeso ma non obese hanno una riduzione del tessuto del quattro per cento. Hanno anche scoperto che la perdita di memoria associata ad un BMI elevato può essere ancora più pronunciata nelle donne in post-menopausa.

I ricercatori hanno anche osservato che i cervelli degli individui obesi sembrano significativamente più vecchi di quanto i loro anni suggerirebbero.

Ricercando le ragioni

Mentre c'è poco dubbio che l'obesità influenzi le dimensioni del cervello, i ricercatori non sono sicuri del perché questo restringimento avviene. Alcuni scienziati ipotizzano che il grasso corporeo extra scateni l'infiammazione, che a sua volta stressa il corpo e il cervello.

Altri pensano che il grasso della pancia degli individui obesi possa rilasciare una combinazione unica di ormoni che influiscono sul corpo in molti modi, inclusa una riduzione del tessuto cerebrale. Un aumento dei livelli di zucchero nel sangue può anche scatenare l'infiammazione.

Ovviamente sono necessarie altre ricerche prima di avere risposte solide, ma è probabile che siano coinvolti diversi fattori.

The Takeaway

Il takeaway è che la cattiva alimentazione e l'eccesso di peso probabilmente contribuiscono a una varietà di problemi di memoria che aumentano di gravità con l'età. D'altra parte, mantenere un peso normale con una dieta sana può ridurre il rischio di demenza e altri problemi legati all'età.

Una dieta sana è critica durante il trattamento e la riabilitazione da droghe e alcool

I danni al cervello e il relativo impatto sulla cognizione e la memoria sono aggravati per le persone che abusano di droghe e alcool. A Paracelso incoraggiamo chi è in trattamento di droga e alcol e riabilitazione a sviluppare abitudini alimentari sane, che possono ridurre la depressione, minimizzare il rischio di ricaduta e migliorare la salute generale.

Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2017-02-05 22:56:20 e tradotto in Italiano nel 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

undici + 13 =

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati