L’uso quotidiano di marijuana non è esente da problemi

Marijuana, considerata da molte persone una droga relativamente sicura, è ora legale in molti paesi del mondo, comprese regioni sempre più grandi degli Stati Uniti.

Se è vero che la marijuana è più sicura nella maggior parte dei casi rispetto a heroin, meth o cocaina, marijuana non è senza problemi. Come ogni droga, la marijuana colpisce i polmoni, il cervello e ogni organo del corpo.

I rischi si aggravano notevolmente quando la marijuana viene usata ogni giorno o quando viene combinata con alcol o altre droghe.

Potenziale di dipendenza

La maggior parte degli esperti concorda che mentre la marijuana non crea dipendenza come molte altre sostanze (incluso l'alcol), circa il 10% dei consumatori svilupperà un certo livello di dipendenza da cannabis. Il rischio aumenta significativamente per le persone che iniziano a usare marijuana da adolescenti.

Le persone che smettono possono sperimentare sintomi di astinenza da marijuana come ansia, depressione, insonnia e perdita di appetito.

Problemi cardiaci e polmonari

I consumatori giornalieri di marijuana hanno maggiori probabilità di avere problemi cardiaci più avanti nella vita, specialmente se fumano anche sigarette. Uno studio ha scoperto che entro la prima ora dopo aver fumato marijuana, il rischio di arresto cardiaco è cinque volte maggiore rispetto a chi non fuma marijuana. I fumatori giornalieri di marijuana hanno anche un rischio maggiore di bronchite cronica e altre difficoltà respiratorie. Il rischio aumenta con l'età.

Problemi di apprendimento

Studi indicano che l'uso cronico di marijuana è legato a danni cognitivi, compresi problemi di memoria, concentrazione, apprendimento, attenzione e risoluzione dei problemi, e ci sono alcune prove che gli effetti possono rimanere a lungo dopo la cessazione dell'uso di marijuana. Anche in questo caso i rischi sono maggiori per i consumatori giornalieri che hanno iniziato ad usare pesantemente da adolescenti. I consumatori giornalieri tendono anche ad avere più difficoltà accademiche e lavorative.

Problemi dentali

L'uso frequente di marijuana è collegato a malattie gengivali, che possono successivamente portare alla perdita dei denti. Tuttavia, gli esperti non sono certi se i problemi siano dovuti all'uso di cannabis o alla scarsa cura dentale da parte dei consumatori cronici. Molti professionisti dentali credono anche che il fumo quotidiano di marijuana contribuisca a diminuire la produzione di saliva, quindi bocca secca e alito cattivo.

Psicosi

L'uso quotidiano di marijuana aumenta il rischio di sintomi psicotici, comprese allucinazioni e deliri, soprattutto per le persone con una storia familiare di psicosi. I ricercatori non sono sicuri, però, se le persone che hanno già una psicosi tendono a usare più marijuana o se l'uso di marijuana scatena effettivamente i sintomi della psicosi.

Trattamento per la dipendenza da marijuana

Il numero di persone che cercano trattamento per la dipendenza da marijuana sale man mano che la droga diventa legale e il suo uso è più accettabile. Se è preoccupato per il suo uso di marijuana, o se usa la droga quotidianamente, consideri la riabilitazione per la dipendenza da cannabis.

Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2017-11-22 14:48:23 e tradotto in Italiano nel 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

10 + quattro =

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati