Latest

Negligenza affluente

La società esprime grande preoccupazione per i bambini poveri e con pochi mezzi e per la maggiore probabilità che non abbiano accesso all'assistenza sanitaria e all'istruzione, o che si diano alla droga o al crimine in età adulta. Si presta meno attenzione ai figli di genitori benestanti che hanno la loro serie di problemi. La…

Legga di più

Che cos’è la terapia comportamentale dialettica?

La terapia comportamentale dialettica (DBT), sviluppata da Marsha Linehan, Ph. negli anni '80, è un tipo di terapia della parola originariamente progettata per persone ad alto rischio con tendenze suicide con diagnosi di disturbo borderline di personalità. Oggi, la DBT è usata per trattare le persone alle prese con una serie di emozioni complesse e…

Legga di più

Benefici dello yoga nel trattamento delle dipendenze

In termini generali, lo yoga è un esercizio che apporta benefici al corpo, alla mente e allo spirito attraverso l'integrazione di tecniche di respirazione, esercizi di rafforzamento, posture e meditazione. Ci sono molti tipi di yoga; tutti sono vantaggiosi. Sebbene lo yoga sia una pratica secolare, è una modalità di trattamento relativamente nuova nel campo…

Legga di più

Che cos’è la terapia comportamentale dialettica?

La terapia comportamentale dialettica (DBT), sviluppata da Marsha Linehan, Ph. negli anni '80, è un tipo di terapia della parola originariamente progettata per persone ad alto rischio con tendenze suicide con diagnosi di disturbo borderline di personalità. Oggi, la DBT è usata per trattare le persone alle prese con una serie di emozioni complesse e…

Legga di più
precedente
/
prossimo

Malattie mentali e abuso di sostanze nel mondo: nessuna fine in vista

I disturbi della salute mentale e dell'abuso di sostanze colpiscono persone di tutti i paesi

Il mondo è stato a lungo un luogo spaventoso e triste per molti dei suoi cittadini e sembra che le cose non stiano migliorando mentre lottiamo nel primo quarto del ventunesimo secolo. Se questa sembra una vecchia notizia, la profondità dell'attuale stato di malattia mentale e abuso di sostanze in tutto il mondo potrebbe sorprenderti.

Secondo le statistiche rilasciate di recente da Il nostro mondo nei dati, 1,1 miliardi di persone, o più del 15% della popolazione mondiale, hanno qualche tipo di disturbo mentale o abuso di sostanze. Nessuna nazione è immune.

I disturbi d'ansia e la depressione sono quasi a pari merito al primo posto, colpendo rispettivamente 275 e 268 milioni di persone, ciascun dei quali rappresenta  circa il 4% della popolazione mondiale. Altri disturbi, tra cui il disturbo bipolare, i disturbi alimentari, la schizofrenia e la dipendenza sono presenti a livello globale, anche se in numero sostanzialmente inferiore.

I disturbi di salute mentale e dell'abuso di sostanze colpiscono persone di tutti i paesi: poveri e ricchi, uomini e donne, occupati e disoccupati, rurali e urbani. I problemi possono durare per settimane, mesi o addirittura anni e, senza trattamento, possono essere presenti per tutta la vita.

L'enormità del problema è difficile da comprendere e la situazione non è destinata a migliorare prossimi anni. L'Organizzazione Mondiale della Sanità  prevede che entro il 2030 i disturbi mentali si collocheranno al primo posto tra le malattie globali, superando le malattie cardiache e gli incidenti stradali.

 

entro il 2030, i disturbi della salute mentale saliranno al primo posto per il carico globale di malattie, superando le malattie cardiache e gli incidenti automobilistici. fonte: IHME, Global Burden of Disease

Ansia: un mondo che vive nella paura

Se i disturbi mentali globali facessero una gara, l'ansia sarebbe al primo posto. I disturbi d'ansia colpiscono 275 milioni di persone, ovvero circa il 4% della popolazione mondiale.

L'ansia è un disturbo misterioso e stimolante e non è ben compreso, nemmeno dalle più grandi menti del mondo medico e psichiatrico. Il termine "disturbi d'ansia" comprende una serie di disturbi correlati, tra cui disturbo d'ansia generalizzato, ansia sociale, PTSD (disturbo da stress post-traumatico), fobie e DOC (disturbo ossessivo compulsivo). Sebbene ogni sottoinsieme abbia sintomi unici, tutti condividono caratteristiche comuni.

L'OMS (Organizzazione mondiale della sanità) osserva che l'ansia è contrassegnata da apprensione e preoccupazione per il futuro, segni di tensione come mal di testa, agitazione e irrequietezza; e sintomi fisici come vertigini, respiro accelerato, sudorazione, battito cardiaco accelerato, disturbi gastrointestinali e secchezza delle fauci.

A seguito di approfondite ricerche, Il giornale dell'American Medical Association (JAMA) giunge alla conclusione che l'ansia è più comune nei paesi ad alto reddito nel loro insieme, anche se è più probabile che il disturbo colpisca le persone di uno stato socioeconomico inferiore all'interno di quei paesi.


È perché negli Stati Uniti e in altri paesi ricchi la salute mentale è facilmente disponibile per coloro che possono permettersela, mentre le persone che vivono in comunità povere o coloro che non dispongono di un'assicurazione sanitaria hanno meno opzioni sanitarie? Spesso, le persone che vivono nei centri urbani americani o nelle aree rurali devono affrontare sfide enormi rappresentate dalla mancanza di un'assistenza sanitaria di qualità.

Alcuni potrebbero obiettare che l'ansia è un risultato del mondo frenetico che abbiamo creato per noi stessi. La modernizzazione e la tecnologia sono cose meravigliose che ci uniscono e rendono la vita più facile in molti modi, ma mentre il ritmo della vita accelera, affrontiamo un crescente stress e preoccupazione.

Per quanto riguarda i tassi di disturbi d'ansia, Australia e Nuova Zelanda sono in cima alla classifica, con l'ansia che colpisce oltre il 6,5% dei cittadini. Gli Stati Uniti, la Norvegia, il Brasile, l'Iran e l'Argentina, dove l'ansia colpisce più del 6% della popolazione, non sono molto lontani. Paesi diversi come Canada, Francia, Algeria, Svezia, Spagna e Sudan stanno recuperando terreno rapidamente,

All'estremità opposta ci sono paesi economicamente in difficoltà come Colombia, il Venezuela, la Nigeria, il Ghana, la Mongolia, il Mali e l'Uzbekistan, dove i dati quando disponibili indicano che meno del 3% della popolazione è affetta da ansia.

Paesi molto diversi tra loro come Canada, Francia, Algeria, Svezia, Spagna e Sudan stanno recuperando rapidamente terreno, fonte: IHME, Global Burden of Disease

Secondo posto: depressione

La depressione è problematica quasi quanto il disturbo d'ansia e colpisce circa 268 milioni di persone nel mondo.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che il numero potrebbe essere ancora più alto, colpendo ben 3 miliardi di persone in tutto il mondo.


Come l'ansia, la depressione è un disturbo complesso con molte facce diverse. Le persone con forme lievi di depressione possono notare stanchezza, tristezza o perdita di interesse per attività normalmente piacevoli, ma sono generalmente in grado di continuare con il lavoro e altre attività della vita quotidiana. Quelli con un grave disturbo depressivo possono provare sentimenti di estrema colpa, disperazione e bassa autostima così gravi da non essere in grado di funzionare. Il suicidio è una possibilità nei casi più estremi.

L'Istituto Nazionale di Salute Mentale osserva che una persona con depressione, sia essa lieve, grave o una via di mezzo, presenta alcuni dei seguenti sintomi per almeno due settimane:

● Persistenti sentimenti di tristezza o vuoto,

● Disperazione o pessimismo riguardo al futuro

● Irritabilità

● Diminuzione dell'energia o dell'affaticamento

● Cambiamenti nell'appetito o nel peso

● Muoversi o parlare più lentamente

● Diminuzione della concentrazione e difficoltà a prestare attenzione o a prendere decisioni

● Diminuzione della fiducia in se stessi e dell'autostima

● Sentimenti di indegnità e colpa

● Pensieri o atti di suicidio o autolesionismo

● Disturbi del sonno

● Dolori o dolore senza una causa fisica (problemi digestivi, mal di testa, ecc.)

Tutti i sintomi generalmente non sono presenti o possono essere lievi o gravi. Alcune persone possono manifestare alcuni sintomi, mentre altre con depressione più grave potrebbero sperimentarne diversi.

Tassi di depressione nel mondo

La depressione è la seconda causa di disabilità più significativa al mondo e colpisce poco più del 4% della popolazione mondiale. Il tasso di depressione è relativamente alto in Nord America, dove colpisce circa il 4,5% della popolazione.

Tuttavia, il tasso di depressione in Nord America è solo nella media, mentre altre aree del mondo hanno un tasso significativamente più alto. Secondo un articolo pubblicato dal Washington Post, più del 5% delle popolazioni del Nord Africa, dell'Europa orientale, dei Caraibi e del Medio Oriente soffre di depressione.

L'Afghanistan, dove secondo quanto riferito il disturbo colpisce una persona su cinque, è il paese più depresso del mondo. I tassi di depressione sono più bassi nell'est e nel sud-est asiatico, così come in Australia e Nuova Zelanda.

Suicidio e depressione

Non c'è dubbio che il suicidio e la salute mentale siano strettamente collegati. Secondo Our World in Data, il rischio di suicidio è 20 volte superiore per un individuo con una malattia mentale. La ricerca indica che nelle nazioni ad alto reddito, fino al 90% di tutti i suicidi si verificano a seguito di abuso di sostanze o di un disturbo di salute mentale. Il suicidio è anche legato al disturbo d'ansia, al disturbo bipolare, alla schizofrenia e ad altri disturbi, sebbene in misura minore.

L'Afghanistan, dove secondo quanto riferito il disturbo colpisce una persona su cinque, è il paese più depresso del mondo. I tassi di depressione sono più bassi nell'est e nel sud-est asiatico, così come in Australia e Nuova Zelanda. Fonte: https://www.washingtonpost.com/news/worldviews/wp/2013/11/07/a-stunning-map-of-depression-rates-around-the-world/?noredirect=on&utm_term=.4a61d2391e21

La ricerca suggerisce che il tasso di suicidio dovuto all'ordine depressivo maggiore è significativamente inferiore in paesi come India, Taiwan e Cina. In quei paesi, il suicidio è stato collegato ad altri fattori o problemi culturali che non sono considerati disturbi di salute mentale o abuso di sostanze. TH Chan Scuola di Sanità Pubblica dell'Università di Harvard osserva che in alcuni paesi i suicidi sono stati spesso considerati "lesioni" e sono esclusi dalle statistiche.

Disturbo bipolare

Conosciuto anche come depressione maniacale, il disturbo bipolare consiste in oscillazioni tra alti (mania) e bassi (depressione), separati da periodi di umore normale. Come la depressione, il disturbo bipolare può essere lieve o grave. Alcune persone oscillano rapidamente tra alti e bassi, mentre altre sperimentano sintomi di mania e depressione allo stesso tempo.

Una persona che sta vivendo un episodio maniacale può mostrare sintomi come alta energia, umore elevato, euforia, irritabilità, rabbia, autostima gonfiata, loquacità, pensieri frenetici, scarso bisogno di dormire e, nei casi più gravi, perdita di contatto con la realtà. I periodi depressivi sono contrassegnati da sintomi tipici della depressione, inclusi sentimenti di disperazione e inutilità, stanchezza e perdita di interesse nelle attività quotidiane.

Attualmente, non esiste una cura nota per il disturbo bipolare. Tuttavia, i sintomi possono essere gestiti e ridotti al minimo con un trattamento che consiste in una combinazione di farmaci e psicoterapia.

Our World in Data riferisce che il disturbo bipolare colpisce circa 40 milioni di persone nel mondo.

 

Our World in Data riferisce che il disturbo bipolare colpisce circa 40 milioni di persone nel mondo. Fonte: IHME, Global Burden of Disease

Schizofrenia

La schizofrenia è un disturbo cerebrale complesso che causa distorsioni del pensiero e della percezione. Una persona affetta  da schizofrenia può sentire voci o avere idee e pensieri bizzarri o deliri. Secondo le stime di Our World in Data, nel 2016 circa 21 milioni di persone erano affetta da schizofrenia.

Altri sintomi includono volti inespressivi, apatia, linguaggio monotono, incapacità di provare piacere o mancanza di interesse per le altre persone. Può diventare difficile o impossibile per una persona affetta da schizofrenia mantenere un lavoro, vivere in modo indipendente o impegnarsi con gli altri in situazioni sociali. La schizofrenia non è curabile, ma è altamente trattabile e può essere gestita con i farmaci.

 

Our World in Data stima che circa 21 milioni di persone soffrissero di schizofrenia nel 2016. Fonte: IHME, Global Burden of Disease

Problemi alimentari

I disturbi alimentari includono uno spettro di disturbi, tra cui anoressia nervosa, bulimia nervosa e altri gravi disturbi del comportamento alimentare.

Le persone affette da anoressia nervosa possono considerarsi estremamente sovrappeso. Possono pesarsi compulsivamente, limitare l'assunzione di cibo, fare esercizio fisico compulsivo, costringersi a vomitare o assumere lassativi. I sintomi dell'anoressia includono pelle giallastra o secca, capelli o unghie fragili, osteoporosi, anemia, stitichezza, bassa pressione sanguigna, infertilità o danni cerebrali. L'anoressia può essere letale quando porta alla fame o al suicidio.

La bulimia nervosa è caratterizzata da episodi di ingestione di enormi quantità di cibo seguiti da vomito forzato, uso di lassativi, esercizio fisico eccessivo o periodi di digiuno. I sintomi della bulimia includono mal di gola cronico, smalto dei denti consumato, denti cariati consumati dall'acidità di stomaco, grave disidratazione e disturbo da reflusso acido.

Secondo le stime Our World in Data, nel 2016 circa 10,5 milioni di persone in tutto il mondo soffrivano di anoressia o bulimia. Questa stima non include una serie di comportamenti alimentari disordinati che non sono facilmente quantificabili, come sovralimentazione compulsiva e il disturbo da alimentazione incontrollata.

 

Our World in Data stima che circa 10,5 milioni di persone in tutto il mondo soffrissero di anoressia o bulimia nel 2016. Fonte: IHME, Global Burden of Disease

Disturbi da abuso di sostanze e salute mentale

L'Organizzazione Mondiale della Sanità definisce l'abuso di sostanze come l'uso dannoso o pericoloso di sostanze psicoattive, inclusi alcol e droghe illecite.

Secondo Our World in Data, nel 2016 164 milioni di persone in tutto il mondo soffrivano di un disturbo da abuso di sostanze (escluso il tabacco).

Non c'è dubbio che i disturbi della salute mentale e l'abuso di sostanze siano strettamente collegati. Negli Stati Uniti, il NIDA (l'Istituto nazionale sull'abuso di droghe) stima che a circa la metà di tutte le persone con disturbi da abuso di sostanze vengano diagnosticati anche disturbi mentali e viceversa.

 

Secondo Our World in Data, 164 milioni di persone in tutto il mondo hanno avuto un disturbo da abuso di sostanze nel 2016 (escluso il tabacco). Fonte: IHME, Global Burden of Disease

I disturbi da abuso di sostanze spesso si accompagnano a disturbi d'ansia e depressione, oltre che a disturbo bipolare, schizofrenia, disturbo da deficit di attenzione e altri.. L'abuso di sostanze e la dipendenza si verificano frequentemente quando le persone usano sostanze per alleviare il disagio quando i loro bisogni di salute mentale non sono soddisfatti.

L'Our World in Data riferisce che nel 2016 i disturbi da uso di alcol hanno causato la morte di quasi 174.000 persone in tutto il mondo, mentre i disturbi da uso di droghe sono stati responsabili della morte di quasi 144.000 persone.

Il tasso di consumo di alcol nel mondo varia notevolmente. In Russia, ad esempio, quasi una persona su venti ha una dipendenza da alcol, rispetto al 2,5% della popolazione negli Stati Uniti, all'1,4% in Canada o allo 0,57% in Giappone.

 

i disturbi da uso di alcol hanno causato la morte di quasi 174.000 persone in tutto il mondo, mentre i disturbi da uso di droghe sono stati responsabili della morte di quasi 144.000 persone. Fonte: IHME, Global Burden of Disease

Trattamento per abuso di sostanze e dipendenza

La dipendenza è una malattia cronica che modifica la funzione e la struttura del cervello. Come altre malattie croniche come il diabete, l'asma e l'ipertensione, la dipendenza è curabile. Tuttavia, la maggior parte delle persone trova difficile o impossibile smettere di usare droghe o alcol senza aiuto.

Gli obiettivi fondamentali del trattamento sono aiutare le persone a smettere di fare abuso di droghe e alcol, assistendole mentre riprendono il controllo della propria vita e tornano a un funzionamento sano in famiglia, sul posto di lavoro e nella comunità.

Secondo il National Institute on Drug Abuse (NIDA), la maggior parte delle persone che entrano e rimangono in trattamento per il tempo consigliato riescono a smettere di usare droghe o alcol. Spesso è necessario un trattamento continuo, poiché le ricadute sono comuni. Tuttavia, un errore non dovrebbe mai essere considerato un fallimento, non più di una ricomparsa dell'ipertensione o di qualsiasi altra malattia cronica. La ricaduta è un segno critico che è necessario un ulteriore trattamento o che il trattamento deve essere adattato per adattarsi alle mutevoli esigenze dell'individuo.

Alla Paracelsus Recovery, un centro di cura a Zurigo, in Svizzera, osserva che mentre la dipendenza è una malattia cerebrale complessa, il recupero sostenibile richiede la consapevolezza e il trattamento delle ragioni sottostanti, o fattori scatenanti. La Paracelsus tratta la dipendenza da droghe e alcol, disturbi alimentari, dipendenze comportamentali come il gioco d'azzardo o la dipendenza dal sesso e problemi emotivi, tra cui depressione, ansia, fobie, stress post-traumatico (PTSD), disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) e altri.

Secondo gli esperti di trattamento delle dipendenze della Paracelsus Recovery, i fattori alla base della dipendenza sono generalmente biochimici, psicologici, fisici, sociali o spirituali. Un centro di trattamento di qualità affronterà tutti i fattori sottostanti, che possono essere molteplici.

La Paracelsus sottolinea l'importanza dell'assistenza post-operatoria e della prevenzione delle ricadute dopo il completamento del trattamento, che aumenta sostanzialmente la possibilità di recupero a lungo termine e sobrietà prolungata. L'assistenza post-terapia può richiedere alcune settimane o alcuni mesi, a seconda delle esigenze e delle circostanze individuali.

Fattori di rischio per la salute mentale e l'abuso di sostanze: conflitto globale ed epidemie

I ricercatori devono ancora determinare il motivo esatto per cui la depressione e altri disturbi mentali sono alti in alcuni paesi e bassi in altri, ma hanno avanzato alcune teorie interessanti che vale la pena considerare. I conflitti globali e le epidemie sono in cima alla lista.

Come osserva la Rivista internazionale di scienze della salute in "Life in Conflict: Characteristics of Depression in Kashmir", è più probabile che la depressione si verifichi a seguito di esperienze dirompenti come conflitti e guerre accompagnate da morte, tortura, genocidio, sfollamento, perdita di proprietà, umiliazione e avversità economiche.

Una volta terminato il conflitto, l'attività si concentra solitamente sulla ricostruzione di infrastrutture come ponti, strade ed edifici. I programmi di salute mentale sono raramente finanziati e il danno psicologico alle vittime dei conflitti, che non è facilmente rilevabile ad occhio nudo, spesso passa inosservato per molti anni. Le conseguenze a lungo termine del trauma sono enormi.

Uno studio dell' Institute for Health Metrics and Evaluation(IHME) ha trovato una netta correlazione tra conflitto e disturbi come la depressione e l'ansia, incluso il disturbo da stress post-traumatico. I disturbi possono essere relativamente lievi o così gravi da minacciare la funzione quotidiana e la sopravvivenza a lungo termine.

In alcune aree, la depressione passa in secondo piano rispetto a gravi epidemie come l'HIV. Non è che la depressione venga ignorata, ma l'HIV è responsabile di dolore e sofferenza ancora maggiori. Il disagio psicologico e la miseria associati a malattie con alti tassi di mortalità, tra cui la SARS (sindrome respiratoria acuta improvvisa) e l'Ebola, creano effetti di vasta portata che continuano più a lungo della fine della malattia vera e propria.

O’Neill Institute for National and Global Health Law presso la Georgetown University di Washington, D.C. osserva che "le epidemie possono distruggere le strutture di sostegno sociale proprio quando sono più necessarie,facendo sentire gli individui vulnerabili e isolati". Le Chiese,  le scuole e altri luoghi in cui le persone tendono a riunirsi per il sostegno sono spesso chiusi nel tentativo di arrestare la diffusione della malattia.

Spesso le persone affette da determinate malattie sono soggette a grave isolamento e alla solitudine derivanti da una stigmatizzazione così pervasiva che intere comunità possono essere evitate. Di conseguenza, le persone che sono malate, in particolare quelle con HIV o AIDS, potrebbero non riuscire a farsi curare. Anche gli operatori sanitari che lavorano con popolazioni malate sono soggetti a depressione e ansia.

Come l'invecchiamento influisce sulla salute mentale in tutto il mondo

L'età media della popolazione sta aumentando nella maggior parte del mondo, con Canada, Giappone, India, Cina e Stati Uniti che prevedono una crescita sostanziale che continuerà almeno per i prossimi decenni.

L'Organizzazione mondiale della sanità osserva che a livello globale, il 15% delle persone di età pari o superiore a 60 anni soffre di un disturbo mentale, spesso associato a dolore cronico, mobilità ridotta, solitudine, isolamento e perdita reale o percepita di rispetto e dignità. La depressione rappresenta il problema più grande per gli anziani.

Tuttavia, le persone anziane, spesso ritenute "superate" o "in là con gli anni", continuano a sopportare il peso maggiore dello stigma sociale e sono comprensibilmente riluttanti a chiedere aiuto a chi si occupa di salute mentale.

È più probabile che un anziano alle prese con la depressione cerchi aiuto dal proprio medico di base. In genere, non si lamentano di sentirsi tristi o depressi, ma possono invece menzionare sintomi come insonnia, affaticamento, difficoltà di concentrazione o perdita di appetito.

I disturbi depressivi tra gli anziani sono spesso sottodiagnosticati, sottotrattati o completamente ignorati dai fornitori di cure primarie. È evidente che i medici di tutto il mondo hanno bisogno di una migliore formazione nella diagnosi e nel trattamento corretti dei problemi di salute mentale che colpiscono gli anziani.

Problemi culturali: segnalazione di problemi di salute mentale

La segnalazione di disturbi di salute mentale in tutto il mondo è nel migliore dei casi irregolare, spesso perché le persone hanno comprensibilmente paura di discutere o ammettere problemi. In alcune nazioni, la salute mentale è ancora un argomento tabù e le persone alle prese con determinati problemi di salute mentale possono trovarsi di fronte alla possibilità della prigione o di altre violazioni dei diritti umani.

Secondo un sondaggio condotto da Unite for Sight, un programma sanitario globale con sede negli Stati Uniti, oltre il 22% dei partecipanti provenienti da paesi in via di sviluppo subisce discriminazione, imbarazzo o umiliazione a causa di malattie mentali, rispetto a circa il 12% nei paesi sviluppati. Di conseguenza, le ripercussioni della malattia mentale di un individuo possono colpire intere famiglie, impedendo alla persona di sposarsi, trovare un buon lavoro, trovare un alloggio o avere figli.

I bassi tassi di segnalazione in queste aree alla fine riducono le statistiche e i tassi di diagnosi. Ad esempio, il tasso di malattia mentale sembra essere quasi inesistente nelle nazioni a basso reddito come l'Iraq, dove non ci sono praticamente servizi di salute mentale e nessuna denuncia.

I sintomi dei disturbi mentali e della dipendenza sono simili in ogni nazione del mondo, ma le singole culture possono influenzare il modo in cui questi sintomi vengono descritti. Ad esempio, una persona depressa o ansiosa può dire al proprio medico che si sente esausta o stordita. Un uomo che sta lottando con la depressione può dire ai suoi amici che è arrabbiato o "incazzato".

I paesi in cui le persone hanno accesso ai servizi di salute mentale sono diagnosticati a un tasso molto più elevato, ma ancora, anche nelle nazioni sviluppate come gli Stati Uniti, i problemi di salute mentale sono poco segnalati dagli uomini, che sono spesso riluttanti a parlare dei propri sentimenti e sono meno propensi delle donne a cercare un trattamento.

Trattamento per i disturbi della salute mentale

A livello globale, è stato stimato che la stragrande maggioranza delle persone affette da malattie mentali non riceve l'aiuto di cui ha bisogno.

La Scuola di sanità pubblica di Harvard ha stabilito che presto la depressione, l'ansia e l'abuso di sostanze di sostanze provocheranno la morte di un numero di persone superiore a quello delle malattie cardiache, degli incidenti stradali, dell'AIDS e delle guerre messi insieme.

La necessità di assistenza per la salute mentale è enorme tra i bambini e gli adolescenti, con il 10-20% affetto da almeno un problema di salute mentale o comportamentale.
L'Organizzazione Mondiale della Sanità stima che solo dal 15 al 30% dei giovani riceva aiuto per queste condizioni.

Un' assistenza di qualità per la salute mentale non è sempre facilmente disponibile, anche nelle nazioni ad alto reddito. Negli Stati Uniti, si stima che il 20% dei bambini e degli adolescenti soffra di un disturbo mentale e uno su dieci ha un grave disturbo mentale o emotivo. Il tasso può raggiungere il 35% nelle aree del mondo colpite da guerre e conflitti.

Il trattamento della salute mentale dovrebbe essere una priorità globale, ma il costo, lo stigma persistente e i tabù tradizionali associati ai disturbi mentali impediscono a molti governi di finanziare le cure.

Molte organizzazioni globali, tra cui la Federazione internazionale della Croce Rossa, la Federazione mondiale per la salute mentale, il Movimento per la salute mentale globale e il Congresso mondiale sulla salute mentale stanno lavorando per aumentare la consapevolezza pubblica e migliorare la qualità e la disponibilità della prevenzione e del trattamento della salute mentale nei paesi di tutto il mondo .

Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2019-03-15 16:03:35 e tradotto in Italiano nel 2021

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati