Marijuana e QI: Il cervello degli adolescenti

Come influisce la marijuana sul cervello degli adolescenti? Sebbene sia un argomento controverso, la maggior parte degli esperti concorda che l'uso regolare di marijuana (e altre sostanze) durante gli anni dell'adolescenza può effettivamente alterare la struttura del cervello, influenzando così la memoria, la concentrazione e il rendimento scolastico.

Tuttavia, nonostante le numerose ricerche, non ci sono conclusioni definitive su quanto esattamente l'uso di marijuana influenzi il QI negli adolescenti.

Studi condotti in Nuova Zelanda nel 2012 hanno trovato differenze significative nel QI tra gli adolescenti che usavano molto marijuana prima dei 18 anni, rispetto a quelli che usavano la droga solo occasionalmente o per niente.

Similmente, studi dell'Università di Barcellona hanno indicato che i consumatori cronici (cinque degli ultimi sette giorni), mostravano danni misurabili alle aree del cervello che governano la pianificazione, l'impulsività e il pensiero astratto, I risultati erano più pronunciati negli adolescenti che avevano iniziato a usare marijuana prima dei 16 anni.

Altri studi, come quello condotto dall'Harvard/Massachusetts General Hospital, hanno trovato cambiamenti simili nell'area del cervello responsabile del giudizio, della pianificazione e del processo decisionale, oltre all'area che governa il piacere e la ricompensa - la stessa area associata alla dipendenza.

Anche se ci sono notevoli prove che gli adolescenti che iniziano a usare erba in giovane età hanno più problemi accademici e comportamentali, uno studio significativo ha messo in discussione l'intero argomento. Lo studio ha coinvolto serie di gemelli nel corso di 10 anni. Sebbene i gemelli, compresi alcuni gemelli identici, fossero cresciuti nello stesso ambiente domestico, un gemello faceva uso di marijuana mentre l'altro no.

I gemelli sono stati esaminati tra i 9 e i 12 anni, prima che iniziassero a usare marijuana; e di nuovo nella tarda adolescenza. I risultati hanno indicato che sebbene i fratelli che usavano la droga mostrassero una cognizione ridotta al secondo test, mostravano risultati simili anche nel test iniziale. L'uso di marijuana non sembrava fare alcuna differenza.

La domanda è: se la marijuana non era responsabile della diminuzione della cognizione nel gemello che usava la droga, quale altro fattore inesplorato era responsabile? In altre parole, i giovani consumatori di marijuana potrebbero aver avuto problemi di cognizione molto prima di iniziare a usare la droga. Purtroppo non c'è modo di sapere con il 100% di certezza come i risultati sarebbero stati diversi se un gemello non avesse mai usato la droga.

Altri fattori e QI ridotto

Alcuni esperti suggeriscono che l'uso di altre sostanze, tra cui il tabacco, potrebbe essere responsabile della riduzione della cognizione negli adolescenti che usano marijuana. Si ritiene che anche la maggiore potenza della marijuana sia un fattore. La povertà, l'ambiente familiare, l'influenza dei pari, lo stato economico e il livello di istruzione dei genitori possono meritare almeno una parte dell'equazione.

Per molti ricercatori, l'obiettivo più importante è determinare perché alcuni adolescenti tendono a fare scelte sbagliate e perché si rivolgono alla marijuana in età così precoce. L'uso pesante di marijuana è associato non solo ad una possibilità di diminuzione del quoziente intellettivo, ma anche ad uno scarso rendimento accademico, ad un tasso di abbandono scolastico più alto e ad una maggiore possibilità di lotte economiche e disoccupazione in età adulta.

È importante, però, non dare giudizi affrettati che possono risultare in un'ulteriore emarginazione degli adolescenti che stanno già lottando attraverso le difficoltà dell'adolescenza.

Marijuana e adolescenti: Nessun livello "sicuro provato"

Gli adolescenti e i primi vent'anni sono anni critici di rapido sviluppo del cervello. Sembra che non esista un livello "sicuro" di uso di marijuana, e più precoce è l'avvento dell'uso di marijuana, maggiore è la possibilità di difficoltà cognitive e altri problemi. Tuttavia, i cambiamenti cognitivi generalmente non sono presenti negli adulti che non hanno mai usato marijuana o in quelli che hanno aspettato fino all'età adulta in tutta sicurezza.

È giusto supporre che la marijuana durante l'adolescenza e la giovane età adulta necessiti di informazioni e attenzioni attente nonché di consigli da parte di professionisti.

Se lei o qualcuno che ama ha un problema con uso eccessivo di marijuana o di altre sostanze, il trattamento di droga e alcol o rehab può aiutare. I centri professionali offrono anche valutazioni e informazioni sull'uso di marijuana. Noi di Paracelso siamo molto esperti nel fare proprio questo.

Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2016-08-04 13:09:58 e tradotto in Italiano nel 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

quattro × 5 =

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati