Latest

Negligenza affluente

La società esprime grande preoccupazione per i bambini poveri e con pochi mezzi e per la maggiore probabilità che non abbiano accesso all'assistenza sanitaria e all'istruzione, o che si diano alla droga o al crimine in età adulta. Si presta meno attenzione ai figli di genitori benestanti che hanno la loro serie di problemi. La…

Legga di più

Che cos’è la terapia comportamentale dialettica?

La terapia comportamentale dialettica (DBT), sviluppata da Marsha Linehan, Ph. negli anni '80, è un tipo di terapia della parola originariamente progettata per persone ad alto rischio con tendenze suicide con diagnosi di disturbo borderline di personalità. Oggi, la DBT è usata per trattare le persone alle prese con una serie di emozioni complesse e…

Legga di più

Benefici dello yoga nel trattamento delle dipendenze

In termini generali, lo yoga è un esercizio che apporta benefici al corpo, alla mente e allo spirito attraverso l'integrazione di tecniche di respirazione, esercizi di rafforzamento, posture e meditazione. Ci sono molti tipi di yoga; tutti sono vantaggiosi. Sebbene lo yoga sia una pratica secolare, è una modalità di trattamento relativamente nuova nel campo…

Legga di più

Che cos’è la terapia comportamentale dialettica?

La terapia comportamentale dialettica (DBT), sviluppata da Marsha Linehan, Ph. negli anni '80, è un tipo di terapia della parola originariamente progettata per persone ad alto rischio con tendenze suicide con diagnosi di disturbo borderline di personalità. Oggi, la DBT è usata per trattare le persone alle prese con una serie di emozioni complesse e…

Legga di più
precedente
/
prossimo

Metadone e Suboxone: Trattamento per le dipendenze da oppioidi

Suboxone e metadone sono farmaci prescritti per aiutare a minimizzare i dolorosi sintomi di astinenza e le voglie associate alla dipendenza da eroina, morfina, idrocodone e altri oppioidi. I farmaci, che si pensa siano più sicuri dell'eroina, non sono destinati ad essere soluzioni a lungo termine. Idealmente, lo scopo è che gli utenti riducano gradualmente l'uso di suboxone o metadone finché il recupero medicalmente assistito non sia più necessario.

Anche se il recupero medicalmente assistito usando suboxone, metadone e altri farmaci può essere utile, alcuni professionisti della dipendenza si oppongono categoricamente al loro uso. Poiché il metadone e il suboxone sono narcotici, si teme che i tossicodipendenti stiano semplicemente scambiando una sostanza che crea dipendenza con un'altra. Tuttavia, altri dicono che il rischio di overdose è molto ridotto perché, a differenza dell'eroina, chi usa il suboxone e il metadone è attentamente monitorato.

Il recupero medicalmente assistito è davvero il vero recupero?

TheFix.com ha recentemente pubblicato un articolo scritto da un medico specializzato in medicina delle dipendenze. La terapia medicalmente assistita, scrive, potrebbe non favorire un vero e stabile recupero perché i tossicodipendenti non sono costretti ad affrontare i problemi che hanno contribuito alla dipendenza in primo luogo. Poiché i sentimenti e le emozioni vengono soppressi, gli individui non sono in grado di affrontare le reali conseguenze della loro dipendenza, impedendo così i necessari cambiamenti emotivi e comportamentali richiesti per un vero recupero.

Scrive che ad un certo punto, i consumatori di suboxone e metadone saranno costretti ad affrontare la realtà, forse causando "una marea di persone che escono dai farmaci" che la comunità medica non è attrezzata per trattare. I fornitori di assistenza sanitaria non hanno affrontato la difficoltà che comporta lo svezzamento degli utenti dal suboxone e dal metadone, dice, suggerendo che le aziende farmaceutiche, che traggono grande profitto dal recupero medicalmente assistito, hanno giocato un ruolo nell'eccessiva dipendenza dai farmaci.

L'argomentazione a favore

Molti professionisti della dipendenza concordano che il trattamento di droga e alcol e la riabilitazione sono strumenti migliori per affrontare stress e trauma, permettendo alle persone di affrontare i problemi senza usare eroina per automedicarsi. Il problema, però, è che il trattamento in ricovero non è sempre disponibile o accessibile per molte persone. Il trattamento ambulatoriale o a breve termine è inadeguato per i tossicodipendenti che hanno bisogno di aiuto per una serie di problemi.

I sostenitori della terapia medicalmente assistita sostengono che il suboxone e il metadone hanno diminuito il tasso di overdose mortali e che i tossicodipendenti hanno potuto smettere di usare oppiacei senza le orribili voglie che hanno impedito a molti di smettere. Chi è a favore dice anche che i farmaci hanno aiutato i tossicodipendenti a diventare occupabili e a condurre una vita più normale. Inoltre, gli studi indicano che la terapia medicalmente assistita ha diminuito i casi di HIV e di epatite C.

Alcuni sostengono che le malattie croniche come il diabete, la pressione alta e l'obesità possono essere controllate da cambiamenti dello stile di vita, eppure i medici raramente esitano a prescrivere farmaci che aiutano le persone a gestire la loro malattia. La terapia medicalmente assistita per la dipendenza, sostengono, non è diversa.

Una decisione personale

La decisione di usare la terapia medicalmente assistita è una decisione personale che dovrebbe essere presa con il consiglio di un fornitore di assistenza sanitaria, ma la maggior parte dei professionisti della dipendenza concorda che il suboxone e il methodone non dovrebbero essere usati come sostituto di un trattamento di droga di qualità o della riabilitazione. Di solito, la soluzione migliore è una combinazione di farmaci e trattamento.

Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2016-12-08 00:07:26 e tradotto in Italiano nel 2021

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati