Non ci si può fidare di un drogato

Le persone tossicodipendenti sentono la necessità incontrollabile di assumere droga, nonostante le conseguenze che essa comporta, conseguenze che si ripercuotono anche sulle relazioni. Infatti la relazione con un tossicodipendente non è per niente semplice.

"Mai fidarsi di un tossicodipendente". È un'affermazione dura, ma chiunque abbia tentato di mantenere una relazione con una persona dipendente sa che la verità e l'onestà sono vittime di questa malattia della dipendenza. Anche persone normalmente oneste e schiette diventano manipolative al punto da essere quasi irriconoscibili.

I tossicodipendenti diventano molto bravi a nascondere la verità. All'inizio questa tattica serve a proteggere le relazioni e i posti di lavoro minacciati dall'abuso di sostanze. Sono in fase di negazione e non sono pronti o disposti ad affrontare la verità sulla loro malattia. Anche se mentono agli altri, mentono anche a se stessi. Riconoscere la verità è un'ammissione che esiste un problema e che bisogna cambiare. La "verità" è spesso brutta e quindi difficile da accettare.

Anche se possono dire il contrario, la maggior parte dei tossicodipendenti non vuole cambiare e farà di tutto per proteggere la dipendenza, la malattia che potrebbe lentamente distruggerli. Promettono di smettere, ma faranno quasi tutto per evitare di affrontare la realtà. Le persone dipendenti da droghe possono mentire, imbrogliare e rubare per ottenere l'accesso alle sostanze che bramano.

Cosa spinge un tossicodipendente a mentire?

I motivi per cui un tossicodipendente è spinto a mentire sono tanti e diversificati, ad esempio nel momento in cui un tossicodipendente esce per comprare alcol o droga, si ritrova a dover mentire ad amici e familiare in merito alla sua destinazione e alla sua uscita. Deve mentire per giustificare la mancanza di denaro. Purtroppo più aumenta il bisogno di abusare di sostanze, più aumentano le bugie.

L’assunzione di droghe può cambiare completamente il carattere di una persona che è sempre stata amorevole e onesta nei confronti dei suoi cari, perché la necessità di quelle sostanze è più forte di qualsiasi altra cosa.

Con il passare del tempo, i tossicodipendenti si esercitano nella disonestà e diventano esperti nel nascondere la verità, anche ad amici e familiari stretti. I meccanismi di difesa diventano più complicati e mentire diventa una seconda natura. Man mano che la malattia progredisce e il pensiero diventa sempre più distorto, i tossicodipendenti diventano molto abili a distorcere la verità o a scaricare la colpa su altre persone.

La persona amata tossicodipendente potrebbe allontanarsi o ignorarti, il che è più facile invece di affrontare la verità. Oppure, la persona dipendente può minimizzare la portata del problema o dire esattamente quello che vuoi sentire per evitare il confronto.

Se qualcuno a cui tieni è in preda alla dipendenza, potresti provare confusione, paura, senso di colpa e molto dolore. Se la persona amata non è pronta ad accettare la verità e a entrare in trattamento, potrebbe essere utile cercare i servizi di un interventista, che può aiutare a rompere il muro della negazione.

Nel frattempo, è fondamentale adottare misure per proteggere il proprio benessere. Consideri i seguenti suggerimenti:

  • Manteni il controllo e non lasciarti trascinare in discussioni senza senso, che sono un esercizio di futilità e contribuiscono solo alla rabbia e alla vergogna.
  • Stabilisci dei limiti. Determina ciò che sei disposto a tollerare, poi rimani fermo. Non lasciarti usare o manipolare.
  • Mostra supporto per la persona, ma non per la dipendenza. Ricorda che i tossicodipendenti di solito lottano molto con l'odio verso se stessi, senso di colpa e vergogna. Spess affrontano senza successo problemi di fondo come ansia, depressione, rabbia o trauma.
  • Non sacrificare i tuoi bisogni per i bisogni del tuo caro tossicodipendente. È fondamentale concentrarsi sul proprio benessere durante questo periodo difficile. Riposati a sufficienza. Mangia cibi sani che manterranno il tuo corpo forte. Passa del tempo con gli amici. Fai esercizio. Prendi in considerazione la meditazione di mindfulness o altri modi per ridurre lo stress.
  • Sviluppa una "pelle dura". Anche se è più facile a dirsi che a farsi, è importante rendersi conto che la persona amata può agire in modi che non farebbe se non fosse sotto l'influenza. Impara a non prendere le cose sul personale.
  • Sii fiducioso. Mostra comprensione e amore incondizionato, ma non lasciarti trascinare dalla malattia.
  • Non esitare a cercare aiuto. Parla con un amico fidato o un membro della famiglia, o cerca una consulenza professionale, frequenta gruppi di auto-aiuto come AlAnon. Considera la consulenza familiare, anche se la persona amata non è pronta a partecipare.
  • Impara di più sulla malattia della dipendenza e come l'abilitazione contribuisce alla malattia. Anche se ami la persona e vuoi aiutarla, potresti abilitare la dipendenza e inconsapevolmente permettere che continui.
  • Sfortunatamente, alcune relazioni possono essere danneggiate irrimediabilmente e non possono essere recuperate. A volte, porre fine a una relazione è inevitabile.
  • Organizza un intervento con una struttura di riabilitazione esperta che comprenda il problema e possa consigliarti su come intervenire con successo, riuscendo a portare la persona amata in un trattamento efficace.
Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2015-08-25 17:56:12 e tradotto in Italiano nel 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

18 − quattordici =

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati