Latest

Negligenza affluente

La società esprime grande preoccupazione per i bambini poveri e con pochi mezzi e per la maggiore probabilità che non abbiano accesso all'assistenza sanitaria e all'istruzione, o che si diano alla droga o al crimine in età adulta. Si presta meno attenzione ai figli di genitori benestanti che hanno la loro serie di problemi. La…

Legga di più

Che cos’è la terapia comportamentale dialettica?

La terapia comportamentale dialettica (DBT), sviluppata da Marsha Linehan, Ph. negli anni '80, è un tipo di terapia della parola originariamente progettata per persone ad alto rischio con tendenze suicide con diagnosi di disturbo borderline di personalità. Oggi, la DBT è usata per trattare le persone alle prese con una serie di emozioni complesse e…

Legga di più

Benefici dello yoga nel trattamento delle dipendenze

In termini generali, lo yoga è un esercizio che apporta benefici al corpo, alla mente e allo spirito attraverso l'integrazione di tecniche di respirazione, esercizi di rafforzamento, posture e meditazione. Ci sono molti tipi di yoga; tutti sono vantaggiosi. Sebbene lo yoga sia una pratica secolare, è una modalità di trattamento relativamente nuova nel campo…

Legga di più

Che cos’è la terapia comportamentale dialettica?

La terapia comportamentale dialettica (DBT), sviluppata da Marsha Linehan, Ph. negli anni '80, è un tipo di terapia della parola originariamente progettata per persone ad alto rischio con tendenze suicide con diagnosi di disturbo borderline di personalità. Oggi, la DBT è usata per trattare le persone alle prese con una serie di emozioni complesse e…

Legga di più
precedente
/
prossimo

Perché l’autenticità è importante per la tua salute mentale?

Per celebrare il #PrideMonth, esploriamo i benefici per la salute derivanti dall'abbracciare chi sei e come superare gli stigmi e la discriminazione lungo il percorso.

 
Elliot Page ha annunciato di essere transgender nel dicembre 2020. Da allora ha parlato apertamente dell'impatto positivo che la sua transizione ha avuto sulla sua salute mentale.

Nota: in questo articolo esploriamo perché fare coming out come LGBTQIA+ può giovare alla tua salute mentale. Ma devi trovarti in un ambiente in cui sia sicuro farlo. Pensi che fare coming out rischierebbe la tua sicurezza personale o professionale? Se sì, prima concentrati sul trovare modi per navigare in queste difficili realtà.

Vivere fedeli a noi stessi, è la mela al giorno della nostra salute mentale. Quando siamo autentici, abbracciamo ogni parte della nostra identità, dai nostri interessi intellettuali al nostro orientamento sessuale. Così facendo, possiamo vivere con un senso di completezza, significato e soddisfazione.

In particolare, quando gli individui fanno coming out, iniziano a integrare nella loro vita aspetti della loro identità che avevano soppresso. Questo può avere un potente effetto a catena sulla loro salute mentale. Per il Pride Month, abbiamo chiesto al nostro team della Paracelsus Recovery di spiegare alcuni di questi benefici per la salute.

Cos'è l'autenticità?

Nel campo della psicologia, l'autenticità si riferisce a una persona che vive in accordo con il suo vero sé e i suoi valori personali. L'inautenticità si verifica quando ci modelliamo per adattarci alle richieste esterne. Naturalmente questo non significa che dobbiamo agire secondo ogni capriccio e rifiutare le norme della società. Invece l'autenticità si verifica su uno spettro. In uno scenario ideale, possiamo creare un dialogo tra chi siamo e cosa ci viene richiesto.

Studi (2020) mostrano che chi si identifica come autentico riporta livelli più alti di felicità e realizzazione. Per esempio, uno studio del 2018 ha rilevato che quando i giovani transgender usavano i nomi scelti, riportavano meno episodi di pensieri suicidi o sintomi depressivi.

Quali sono i benefici per la salute?

L'autenticità ci influenza positivamente in vari modi, tra cui:

- Essere fedeli a noi stessi ci fa sentire più sicuri e tranquilli

Uno studio del 2013 ha rilevato che le persone apertamente lesbiche, gay e bisessuali avevano livelli sostanzialmente più bassi di ormoni dello stress, come cortisolo e adrenalina, rispetto ai loro coetanei che non si erano ancora dichiarati. Questo perché se nascondiamo una parte fondamentale di noi stessi, può farci sentire nervosi e insicuri. Dal punto di vista neurochimico, queste esperienze attivano la nostra risposta di fuga o lotta.

Se stai lottando con questi sentimenti ma fare coming out non è un'opzione, concentrati su tecniche di gestione dello stress, come la meditazione o la mindfulness. Se possibile, rivolgiti a un professionista.

Uno studio ha scoperto che in un gruppo di 46 partecipanti lesbiche, gay o bisessuali, i 31 individui che avevano fatto coming out avevano livelli di cortisolo notevolmente inferiori rispetto ai 15 che non avevano rivelato il loro orientamento ad altri.

- Siamo più in sintonia con i nostri corpi

Carl Rogers, il fondatore della psicologia centrata sulla persona, sosteneva che l'autenticità è il fondamento della nostra relazione mente-corpo. Senza di essa non possiamo fidarci delle nostre sensazioni o intuizioni.

Quando non possiamo esprimere il nostro orientamento sessuale, può recidere questo legame tra il nostro corpo e la nostra mente. Ma, quando usciamo allo scoperto per quello che siamo, non siamo più in contrasto con le nostre sensazioni corporee. Questo ha innumerevoli effetti positivi sulla nostra autostima, sui livelli di ansia e sulla nostra salute fisica.

- Promuove un senso di comunità

Quando ne usciamo, può approfondire le nostre relazioni e favorire un senso di comunità. Gli esseri umani sono creature tribali, il che significa che quando sentiamo un senso di appartenenza migliora drasticamente il nostro benessere mentale.

Per esempio, un aspetto del rendersi conto di essere bi, gay, trans, non-binario o semplicemente qualcosa di diverso da cisgender ed eterosessuale, è accettare di essersi sentito in qualche modo diverso dalla maggioranza per la maggior parte della vita. Quando ci rendiamo conto e abbracciamo questo, possiamo entrare a far parte di una comunità che comprende ed entra in empatia con le nostre esperienze.

Filosofi e psicologi concordano che la formula della felicità include la capacità di esprimere autenticamente noi stessi, un senso di benessere e un coinvolgimento attivo nella vita o nel lavoro.

Ma...è complicato

Spesso (ingenuamente) pensiamo al coming out come un rapido gesto grandioso. L'individuo proclama il suo orientamento sessuale e abbandona per sempre il proverbiale "closest". In realtà è più una trattativa a lungo termine piena di sfide. Per esempio, le persone LGBTQIA devono decidere se rivelare il loro orientamento sessuale ogni volta che iniziano un nuovo lavoro o incontrano qualcuno di nuovo. Di conseguenza, il coming out è un processo continuo.

Purtroppo, le persone LGBTQIA sperimentano anche disturbi di salute mentale in modo sproporzionato rispetto al resto della popolazione. Mentre il coming out, per coloro che sono in grado di farlo, può alleviare alcune di queste sofferenze, stigma, discriminazione e violenza una volta che una persona ha fatto coming out giocano un ruolo sostanziale in queste preoccupanti statistiche.

Non è una sorpresa che molti lottino per affrontare queste circostanze difficili e ingiuste. Per questo è importante stare attenti alla propria salute mentale e cercare un aiuto professionale se ne hai bisogno.

Fai attenzione ai sintomi della depressione come:

- Una prospettiva negativa sulla vita.

- Pensieri suicidi o autolesionismo.

- Aumento della fatica e problemi di sonno.

E i segni di un problema di abuso di sostanze includono:

- Incapacità di controllare l'uso di sostanze.

- Usare una sostanza in segreto.

- Aumento della paranoia.

Infine, riconosciamo che la situazione è ancora più difficile per gli individui con patrimonio netto ultra elevato o quelli che vivono sotto l'occhio del pubblico. Per esempio, se il CEO di un'azienda in una parte del mondo dove i diritti LGBTQIA sono contestati facesse coming out, potrebbe danneggiare l'azienda. Questo, a sua volta, potrebbe avere un impatto sul sostentamento e sul benessere dei dipendenti. In queste situazioni, cerca di essere molto attento al tuo benessere e compassionevole verso il tuo vero sé autentico.

Sebbene il coming out possa alleviare alcuni sintomi, non è sempre semplice. Può essere traumatico di per sé rendersi conto che per vivere la tua vita in modo autentico, potresti dover sacrificare le relazioni con i tuoi cari.
Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2021-06-28 15:46:24 e tradotto in Italiano nel 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati