Latest

Negligenza affluente

La società esprime grande preoccupazione per i bambini poveri e con pochi mezzi e per la maggiore probabilità che non abbiano accesso all'assistenza sanitaria e all'istruzione, o che si diano alla droga o al crimine in età adulta. Si presta meno attenzione ai figli di genitori benestanti che hanno la loro serie di problemi. La…

Legga di più

Che cos’è la terapia comportamentale dialettica?

La terapia comportamentale dialettica (DBT), sviluppata da Marsha Linehan, Ph. negli anni '80, è un tipo di terapia della parola originariamente progettata per persone ad alto rischio con tendenze suicide con diagnosi di disturbo borderline di personalità. Oggi, la DBT è usata per trattare le persone alle prese con una serie di emozioni complesse e…

Legga di più

Benefici dello yoga nel trattamento delle dipendenze

In termini generali, lo yoga è un esercizio che apporta benefici al corpo, alla mente e allo spirito attraverso l'integrazione di tecniche di respirazione, esercizi di rafforzamento, posture e meditazione. Ci sono molti tipi di yoga; tutti sono vantaggiosi. Sebbene lo yoga sia una pratica secolare, è una modalità di trattamento relativamente nuova nel campo…

Legga di più

Che cos’è la terapia comportamentale dialettica?

La terapia comportamentale dialettica (DBT), sviluppata da Marsha Linehan, Ph. negli anni '80, è un tipo di terapia della parola originariamente progettata per persone ad alto rischio con tendenze suicide con diagnosi di disturbo borderline di personalità. Oggi, la DBT è usata per trattare le persone alle prese con una serie di emozioni complesse e…

Legga di più
precedente
/
prossimo

I cinque problemi di salute mentale più comuni che devono affrontare gli chef stellati Michelin

Come amici di lunga data nel settore dell'ospitalità, abbiamo visto troppi chef lottare con problemi di salute mentale legati al lavoro. Continua a leggere per scoprire quali sono le condizioni più comuni e cosa puoi fare per ridurre al minimo il tuo rischio.

 


Alla Paracelsus Recovery, crediamo che la creazione di squisite esperienze culinarie sia un aspetto cruciale e spesso trascurato di qualsiasi programma di trattamento. Abbiamo visto molti clienti ritrovare il loro senso interiore di pace, felicità e benessere grazie alla nostra enfasi sulla cucina raffinata e sull'ospitalità da stella Michelin.

Ad esempio, molti dei nostri clienti hanno scoperto che i rituali che circondano la cucina raffinata possono funzionare come un sostituto più sano delle pratiche coinvolte nell'abuso di sostanze, da cui molti dipendevano tanto quanto la sostanza o il comportamento stesso. Il cibo denso di nutrizione ridurrà anche al minimo l'infiammazione, che supporta la stabilità dell'umore e il benessere generale. Un'esperienza culinaria piacevole e squisita aumenterà inevitabilmente le sostanze neurochimiche del benessere in modo sano e benefico, il che è fondamentale quando si combatte una dipendenza da abuso di sostanze.

In quanto tale, apprezziamo ogni elemento dell'esperienza della stella Michelin, dalla preparazione ai rituali alla storia che accompagna ogni piatto. I nostri chef sono membri vitali del nostro team e la maggior parte dei nostri ricordi più cari e delle amicizie più profonde sono nate nelle cucine.

Ecco perché siamo sempre più preoccupati per il numero di chef alle prese con problemi di salute mentale. Ad esempio, un sondaggio del 2017 ha rilevato che il 51% degli chef lotta con livelli di stress "debilitanti". Sebbene il 51% sia già troppo alto, un sondaggio più recente condotto nel Regno Unito ha rilevato che è aumentato a uno scioccante 81%.

Tuttavia, non è tutto negativo e buio. Come risultato della pandemia, che ha colpito il settore dell'ospitalità molto peggio di altri, c'è stata una rinnovata attenzione alla salute mentale e al benessere. Ad esempio, la Hospitality Action, un ente di beneficenza con sede nel Regno Unito per coloro che lavorano nel settore dell'ospitalità, continua a fornire un supporto psicologico, finanziario e professionale fondamentale. Il lavoro svolto da organizzazioni come queste è stato fonte d'ispirazione per il nostro team e per molti altri che conosciamo nel settore.

Le persone parlano e i comportamenti stanno cambiando. Alla Paracelsus Recovery, vorremmo mostrare il nostro sostegno ed essere parte di quella rivoluzione. A tal fine, abbiamo chiesto al nostro team di ricerca di delineare il motivo per cui si è verificata la crisi della salute mentale, quali problemi cercare e quali misure dobbiamo ancora adottare per ridurre al minimo i problemi di benessere che permeano il settore.

Perché i problemi di salute mentale stanno aumentando nelle cucine?

In primo luogo, ci sono vari fattori che contribuiscono allo stress psicologico tra gli chef. Ad esempio, le lunghe notti, le ore non sociali e persino la mancanza di luce solare giocano un ruolo importante. All'interno di tale elenco, le cause principali sono lo stress, la solitudine e vari ideali tossici che ancora permeano il settore.

In caso di stress, una carriera nell'ospitalità sarà sempre un'impresa ad alto stress e ad alto ritmo. Gli chef devono essere multitasking e, sebbene questo sia impressionante, può aggiungere un'enorme pressione quando così tante cose devono essere fatte alla perfezione, in ogni momento. Nella nostra esperienza, gli chef tendono anche a mostrare tratti di perfezionismo. Ciò significa che esercitano molta pressione su se stessi e possono avere difficoltà ad andare avanti quando commettono un errore, il che alimenta lo stress. Poi, c'è la realtà che più in alto sali la scala, più lo stress e l'isolamento possono aumentare con te.

Anche gli chef sono devoti al loro lavoro. Sebbene ciò sia indubbiamente onorevole, può contribuire alla solitudine e all'isolamento da amici o familiari. Le ore non sociali e le lunghe notti non fanno che aggravare quell'isolamento. Non possiamo sopravvalutare il fatto che, dalla nostra esperienza, lo stress e la solitudine sono le principali cause di abuso di sostanze e problemi di salute mentale indipendentemente dalla professione, dal background o dalla genetica.

Quindi, oltre a questi fattori di stress ambientale, le cucine tendono ad essere degli ambienti ad alta pressione in cui gli chef imparano a lavorare attraverso ustioni, tagli e malattie. Sono individui straordinariamente forti e resistenti. Sfortunatamente, questo ideale di "rafforzamento" è stato reso affascinante alla fine degli anni '90 e all'inizio degli anni 2000, il che ha portato la cultura della cucina a feticizzare l'estrema pressione e trasformare la cucina in una zona di guerra. Di conseguenza, ha portato a un tabù sulla malattia mentale, che ha incoraggiato l'idea che parlare delle proprie emozioni sia da "deboli". Sebbene queste idee stiano cambiando in meglio, non si può sopravvalutare il fatto che i problemi di salute mentale capitano a chiunque e non sono mai un segno di debolezza.

 


Cinque dei problemi più comuni che devono affrontare lo chef stellato Michelin


 

  1. Dipendenza da alcol

Come una falena alla fiamma, ci sono pochi legami, come l'abuso di alcol e le lunghe ore trascorse in ambienti stressanti. Di conseguenza, forse non sorprende che gli chef abbiano quasi il doppio delle probabilità di diventare dipendenti dall'alcol rispetto alla popolazione in generale.

Numerosi fattori contribuiscono a questo, tra cui orari non sociali, tassi di esaurimento alle stelle e il fatto che l'alcol sia prontamente disponibile nelle cucine. Gli chef trascorrono anche tutto il giorno assicurandosi che i loro clienti vivano un'esperienza meravigliosa nel loro ristorante. Tuttavia, quell'esperienza, il più delle volte, includerà l'alcol. Se trascorri tutto il giorno circondato dal consumo di alcol, puoi normalizzare rapidamente l'abuso e il consumo eccessivo.

Se sei preoccupato per il tuo abuso di sostanze, considera quanto segue:

  • Negli ultimi mesi, hai mancato di soddisfare le aspettative a causa del tuo bere?
  • Hai mai bisogno di alcol per funzionare dopo una notte di bevute pesanti?
  • Trovi spesso difficile identificare ciò che provi quando o dopo una festa?
  • Soffri di sintomi di astinenza?
  • Pensi o sai che i tuoi parenti e amici sono preoccupati per il tuo bere?

Se hai risposto sì a una qualsiasi delle domande precedenti, potresti sviluppare una dipendenza. Cerca di parlare con un professionista il prima possibile. Se questa non è un'opzione per te, contatta una persona cara e condividi che stai lottando. Lavorando insieme, cerca di capire cosa scatena le tue voglie e prendi provvedimenti per implementare un meccanismo di coping più sano. Ad esempio, se lo stress scatena la voglia di bere, cerca di pianificare una passeggiata o dedicare un momento a te stesso.

     2. Dipendenza da cocaina

Come l'abuso di alcol, la dipendenza da cocaina è uno di quei "segreti peggio custoditi" tra gli chef. Ad esempio, il New York Times osserva che i lavoratori dei ristoranti hanno il più alto tasso di abuso di droghe per il settore.

Anche il più forte di noi può avere difficoltà a gestire la natura costante, frenetica e stressante di una cucina. Per affrontare l'esaurimento che ne deriva, molti chef si rivolgono alla cocaina come mezzo per "superare il turno". Inoltre, essere parte di un ristorante significa anche divertirsi. Una volta che i lavoratori finiscono i loro turni a tarda notte, lo stress viene solitamente alleviato sotto forma di festa.

I segni della dipendenza da cocaina includono sbalzi d'umore, sensazione di crescente stress, sintomi di ansia, paranoia o depressione, improvvisa incapacità di completare attività o compiti sociali senza la sostanza, aumento della quantità ingerita per ottenere lo stesso "sballo" e sintomi di astinenza come la paranoia , ansia o sintomi simil-influenzali. Se hai sviluppato uno di questi sintomi e sei preoccupato per il tuo abuso di sostanze, parlane con un professionista il prima possibile.

Se cercare un aiuto professionale non è un'opzione, contatta una persona cara e fagli sapere che stai lottando. Tuttavia, sarà difficile riprendere il controllo della propria salute in un contesto di esaurimento, desiderio e astinenza, quindi cerca gruppi di supporto. Sentirsi isolati può alimentare la critica interiore e peggiorare le tue possibilità di recupero a lungo termine.

 

  1. Depressione

    Tragicamente, gli studi dimostrano che i tassi di suicidio sono significativamente più alti tra gli chef rispetto a quelli nelle professioni diverse dal settore alberghiero. Ancora più preoccupante, un sondaggio del 2017 ha rivelato che il 51% degli chef e del personale dell'ospitalità soffre di depressione e livelli di stress debilitanti.

    Nella nostra esperienza, in fondo, gli chef sono artisti altamente sensibili. Di conseguenza, la mitologia "se non riesci a sopportare il caldo, esci dalla cucina" che ha permeato i ristoranti per decenni è stata molto dannosa. Inoltre, nessuno lo voleva. È uno di quei messaggi tossici persistenti dei primi anni '90 che dovevamo affrontare per liberarcene definitivamente. Anche se siamo ancora in fase di confronto, c'è molto da dire per un cambiamento nell'atteggiamento nei confronti di questi temi.

    Ad esempio, mentre questi tipi di ideali erano prolifici alla fine degli anni '90 e all'inizio degli anni 2000, il tragico suicidio di Antony Bourdain (e molte altre storie simili) ha portato a un essame di coscienza all'interno del settore. Molti si stanno ora rendendo conto che queste idee erano inutili, aggressive e in definitiva controproducenti. Siamo entrambi fiduciosi e fiduciose che, con una discussione e sostegno continui, si possiamo porre fine a queste tragedie.

    I sintomi della depressione includono una prospettiva negativa sulla vita, un aumento della stanchezza e problemi di sonno, cambiamenti nell'appetito accompagnati da aumento o perdita di peso, eccessivi sentimenti di colpa o inutilità e  una mancanza di speranza tale da farti sentire come se le cose non cambieranno mai, sensazione di apatia o intorpidimento e pensieri di morte o ideazione suicidaria (tra gli altri). Se sei preoccupato di poter soffrire di depressione, parlane con il tuo medico il prima possibile.

     

    4. Ansia

    Come accennato in precedenza, gli chef sono perfezionisti. Se combinata con abilità artistica e la disciplina, questa innata spinta alla perfezione può essere la più grande risorsa di uno chef. Grazie a queste caratteristiche, possono offrire ai clienti esperienze uniche e squisite. Tuttavia, esiste una linea sottile tra perfezionismo e disturbi d'ansia. Sfortunatamente, l'esaurimento e lo stress possono spingere rapidamente uno chef (e chiunque altro) oltre quella linea.

    Questo perché il perfezionismo può generare aspettative irrealistiche su noi stessi e sulle nostre capacità. Ad esempio, abbiamo visto molti chef e amici punirsi quando non riescono a lavorare al loro livello ottimale, anche se dormono a malapena da settimane. In altre parole, i perfezionisti faticano ad accettare di essere esseri umani con dei limiti. Quel tipo di pressione interna semina ansia e la bassa autostima.

    I sintomi dell'ansia includono sentirsi persistentemente terrorizzati senza motivo razionale, problemi di sonno, lotta con un costante senso di panico o pericolo imminente, pensieri o paure invadenti e sintomi fisici come oppressione al petto, vertigini, acufeni, vertigini o sensibilità alla luce. Se stai lottando, cerca un aiuto professionale il prima possibile. Per esempio, la terapia cognitivo comportamentale (CBT) ha dimostrato di ridurre efficacemente i sintomi dell'ansia. Se il supporto terapeutico non è un'opzione per te, prova a concentrarti sulla meditazione o sulle tecniche di respirazione e di ridurre al minimo l'abuso di sostanze.

     

    5. Burnout

    Come già detto, gli chef lavorano in ambienti ad alto stress. Lo stress è di per sè letale, ma può anche portare al burnout. Purtroppo, il burnout è diventato così prolifico nel settore dell'ospitalità; che gli esperti lo chiamano addirittura "burnout dello chef". Quando ciò accade, la persona entra in uno stato di completo esaurimento fisico, mentale ed emotivo. Il burnout indebolisce il sistema immunitario, causa problemi di sonno e può provocare sentimenti di impotenza, intorpidimento e disillusione. Il burnout è anche così inesorabilmente estenuanti che, quando gli chef cercano di "resistere", possono rapidamente ritrovarsi ad affidarsi alla cocaina o all'alcol come fonte di energia.

    I segni del burnout includono frequenti malattie minori e un sistema immunitario indebolito, ritiro dalle responsabilità o dai propri cari, il ricorso al cibo, droghe o all'alcol per far fronte alla situazione, il procrastinare o l'impiegare molto più tempo per portare a termine le cose, uno stato mentale di "carico ma stanco"  e un senso di fallimento o insicurezza (tra gli altri). Se stai lottando, prova a prenderti una pausa. Se questa non è un'opzione, delega il maggior numero di compiti possibile e parla con un professionista di come ti senti. Essere esauriti non è qualcosa di cui vergognarsi. Invece, è una condizione medica che, come qualsiasi problema di salute, peggiorerà solo se viene ignorata.

    Come possiamo affrontare questi problemi?

A nostro avviso, ci sono tre pilastri per affrontare il benessere nell'ospitalità. In primo luogo, dobbiamo continuare a concentrarci sulla destigmatizzazione della salute mentale. Per fare ciò, i proprietari di ristoranti, gli chef e i leader devono continuare a parlare apertamente della propria salute e del proprio benessere, dei problemi con cui hanno lottato, di come affrontano il dolore e ribadire sempre che non c'è nulla di debole o anormale nel lottare di tanto in tanto. Assicurati di non glorificare orari estenuanti o ambienti di lavoro tossici e ricorda a te stesso e al tuo team che la salute mentale è proprio come la salute fisica: tutti ce l'hanno e nessuno è perfetto.

In secondo luogo, raccomandiamo di cercare di aumentare il sostegno e di incoraggiare scelte di vita sane. Ad esempio, cerca di fare in modo che il tuo team abbia una sorta di stabilità negli orari e nella routine di lavoro. Quando possibile, cerca di incoraggiare anche la settimana di quattro giorni. Poi, parla con i tuoi collaboratori, che sia davanti a un caffè o in 1-2-1. Chiedi loro come stanno, come se la cavano loro e le loro famiglie e quali sfide stanno ancora affrontando. Mostra che ci tieni a loro come persone e non solo come qualcuno che porta a termine dei compiti. Negli ultimi anni abbiamo visto numerosi ristoranti implementare strategie come queste, che hanno fatto miracoli per il morale e il benessere dei dipendenti.

In terzo luogo, informati sui segni e sui sintomi dei problemi psicologici e agisci rapidamente se noti qualcosa che sta emergendo all'interno di te o del tuo team. Cerca di coinvolgere anche il tuo team in questo processo e assicurati che sappiano che le risorse sono disponibili, se hanno bisogno di supporto. Ricorda che, se non altro, quando eleviamo il benessere del nostro team, la produttività, la creatività e la fidelizzazione dei dipendenti saliranno alle stelle.


Pensieri finali

Tuttavia, sebbene tutto ciò sia positivo, è fondamentale che chef e ristoratori si prendano cura anche del proprio benessere mentale.

Gli chef di tutto il mondo hanno subito enormi perdite economiche durante la pandemia da cui molti si stanno ancora riprendendo. O forse stai recuperando terreno dal punto di vista finanziario, ma in quel periodo hai acquisito meccanismi di coping malsani con i quali stai ancora lottando. A tal fine, prova a chiederti: "cosa faccio quando mi sento stressato o spaventato?" Se non sei sicuro della risposta, potresti usare strategie non utili come la negazione, la proiezione o l'abuso di sostanze.

Per cambiare questa situazione, pratica la consapevolezza per aumentare la tua autocoscienza. Quindi, contrasta ogni strategia negativa con due positive. Ad esempio, per ogni sigaretta che fumi o gomma da masticare che mangi, prova a fare il doppio della quantità di esercizio fisico o di un'alimentazione sana. Il punto cruciale è esercitarsi a mostrare a te stesso la stessa compassione che faresti con un amico, un familiare, un dipendente o un cliente.

 

Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2023-01-30 13:06:17 e tradotto in Italiano nel 2021

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati