Psicologia del mangiare

La psicologia del mangiare è un campo relativamente nuovo che cerca di capire il nostro rapporto con il cibo. Alcuni ricercatori credono che il corpo metabolizzi il cibo in modo diverso a seconda dei nostri pensieri e come risposta allo stress, immaginato o reale. Alcuni credono che in realtà assorbiamo i nutrienti in modo più efficace quando siamo in uno stato d'animo positivo.

In altre parole, i pensieri, i sensi e le emozioni come il senso di colpa e la vergogna sono legati a risposte fisiologiche che includono non solo l'appetito per il cibo, ma la sete, il desiderio sessuale, la temperatura corporea, la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca.

Cibo, emozioni e alimentazione disordinata

Il cibo è un'attività umana fondamentale che fa molto più che riempire il nostro stomaco e alimentare il nostro corpo. Mangiare influisce su come ci sentiamo fisicamente, mentalmente ed emotivamente. Overeating, mangiare emotivamente o mangiare troppo poco possono tutti influenzare negativamente la nostra salute e il nostro benessere.

Mangiare è spesso un'esperienza positiva che è parte integrante di quasi ogni cultura. I nostri sentimenti riguardo al cibo e al mangiare sono influenzati da molti fattori, tra cui il nostro corredo evolutivo e genetico. Inoltre, siamo influenzati da ciò che mangiavano le nostre famiglie e da ciò che ci piaceva da bambini, dalle abitudini alimentari sociali dei nostri amici e delle altre persone con cui passiamo il tempo e da quali cibi sono preferiti in certe culture. Naturalmente ogni persona ha preferenze specifiche per vari gusti e consistenze.

I problemi alimentari sorgono quando il cibo viene usato come strategia di coping per gestire sentimenti negativi come ansia, noia o stress. Invece di affrontare le emozioni difficili in modi sani, i sentimenti vengono soffocati con il cibo, che ci fa sentire meglio - per un breve periodo.

Anche se mangiare emotivamente va bene ogni tanto, calmare le emozioni difficili con il cibo è una pratica pericolosa che può portare a tremendi sensi di colpa e rimpianti, che a loro volta innescano un'abitudine distruttiva di mangiare di più e più sentimenti di colpa. Mangiare non dovrebbe essere collegato alla vergogna, ma spesso lo è.

Con il tempo, i segnali naturali del corpo vengono ignorati e le persone possono perdere la capacità di valutare la pienezza e la fame.

Trattamento per il disordine alimentare

Molti centri di trattamento delle dipendenze e riabilitazioni offrono programmi su misura per il disordine alimentare. Il trattamento può aiutare gli individui ad imparare quali emozioni scatenano modelli alimentari malsani. Poi è possibile cambiare i modelli di pensiero negativi e le relazioni distruttive con il cibo.

Il trattamento per i disturbi alimentari può anche aiutare le persone ad imparare ad essere più attente, non in modo critico, ma prestando attenzione e imparando come si sente il corpo. Sviluppare una curiosità naturale e non giudicante su come il cibo influenza il corpo e la mente può aiutare le persone ad imparare ad allontanarsi dalle voglie.

Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2016-10-30 10:33:23 e tradotto in Italiano nel 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

18 + cinque =

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati