Scienza sociale e fumo: Funziona?

Se è un fumatore di sigarette, sa già che il fumo dà molta dipendenza ed è molto dannoso per la sua salute. Il fumo danneggia il cuore e contribuisce a vari tipi di cancro, il tutto porta potenzialmente ad una morte prematura. Il fumo fa diventare i suoi denti di una tonalità di giallo poco attraente, fa raggrinzire la sua pelle, la fa puzzare e prosciuga il suo conto in banca. Sono tutte notizie vecchie.

Al rovescio della medaglia, i fumatori dipendenti raramente si fermano a considerare i benefici associati al fumo. (Sì, ci sono dei benefici; altrimenti smettere sarebbe molto più facile.) Uno dei benefici più ovvi è l'esclusivo club sociale che fornisce regolari opportunità di scherzare e legare con altri fumatori. Molti si riferiscono a questa rilassante tregua della giornata lavorativa come ad una "cultura della pausa sigaretta".

Negli ultimi anni, la maggior parte dei fumatori di sigarette è diventata acutamente consapevole del crescente stigma intorno al fumo, che non è più considerato sofisticato o "cool". Purtroppo, per la maggior parte dei fumatori dipendenti, questo calo di status sociale non è una motivazione sufficiente per smettere.

Quando si tratta di smettere, le tattiche collaudate delle scienze sociali funzionano? National Public Radio ha cercato di scoprirlo.

Social Science and Smoking

America's National Public Radio ha seguito di recente Max, un giovane assistente di cronaca e fumatore di lunga data, nel suo tentativo di smettere di fumare usando tattiche basate su tre principi consolidati della ricerca delle scienze sociali. Il giovane fumatore:

  1. ha fatto voto di mettere i soldi altrimenti spesi in sigarette in un conto di risparmio. Se il suo tentativo di smettere di fumare avesse avuto successo, il denaro avrebbe finanziato una bella vacanza. Se invece recidiva, prometteva di donare il denaro ad una certa organizzazione lobbistica di Washington D.C. che detestava. Molti studi di ricerca indicano che questa tattica ha spesso successo e il National Institute of health sostiene che gli incentivi finanziari sono una motivazione sufficiente per molti fumatori a smettere.
  2. Ha promesso di raggiungere amici non fumatori per avere sostegno. Smokefree.gov e altre organizzazioni riferiscono che amici e familiari solidali giocano un ruolo significativo nell'aiutare un fumatore a diventare senza fumo.
  3. Infine, ha promesso di registrare un annuncio di servizio pubblico per aiutare altri fumatori a smettere.

Ha funzionato? Un diario del non fumatore

Nel suo diario audio quotidiano, Max ha paragonato lo smettere a una brutta rottura che all'inizio sembra una libertà, ma presto diventa sempre più difficile e straziante. Nei primi giorni ha sperimentato i tipici sintomi di astinenza, tra cui forti voglie, tensione, frustrazione, tristezza, rabbia e irritabilità.

Per far fronte ai sintomi, Max masticava gomme, beveva acqua seltzer e passava gran parte del tempo a pensare a quanto si fosse pentito di aver accettato l'esperimento di una persona della NPR. Si paragonava ad un bufalo che cammina direttamente nella tempesta, ragionando che "appoggiarsi" alle voglie e alle emozioni lo avrebbe aiutato durante il processo.

Ha avuto ragione, e presto la sua vita da non fumatore è stata un po' più facile. Max fu sorpreso un giorno di rendersi conto che invece di svegliarsi con la voglia di una sigaretta, aveva portato a termine tutta la sua routine mattutina senza pensare al fumo. In breve tempo, notò un cambiamento significativo nel modo in cui i suoi polmoni si sentivano quando correva.

Sei mesi dopo

Max rimase senza fumo quando NPR registrò il podcast sei mesi dopo. Ha ricordato di aver chiamato un amico solidale almeno una volta durante quel periodo e ha discusso il suo messaggio di servizio pubblico, in cui ha paragonato il fumo a una prigione autoimposta.

Max dice che ogni giorno che non fuma rende meno probabile una ricaduta. Sa che non dichiarerà mai la vittoria totale sulla dipendenza, ma si rende conto che le voglie continueranno a diminuire. Non vede l'ora di fare una vacanza europea senza fumo.

Fumo di sigaretta durante il trattamento e la riabilitazione da droghe e alcool

Secondo Psychiatric Times, c'è un tasso particolarmente alto di fumo tra le persone in droga e trattamento di alcolismo o rehab - addirittura da tre a quattro volte superiore alla popolazione generale.

Anche se questa doppia dipendenza è comune, i fumatori sono fortemente incoraggiati a smettere, poiché i fumatori con disturbi da uso di sostanze di solito iniziano a fumare in età più giovane e tendono ad essere più dipendenti dalla nicotina. Sono anche più suscettibili a certi tipi di cancro che si trovano associati all'uso combinato di alcol e tabacco.

Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2017-02-09 22:53:09 e tradotto in Italiano nel 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

diciotto − 13 =

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati