Studi ACE: Abuso e trauma infantile

Secondo l'ACE (Adverse Childhood Experiences) Study, un importante studio di salute pubblica condotto tra il 1995 e il 1997, gli abusi e i traumi infantili sono più comuni di quanto si possa immaginare. Varie forme di trauma colpiscono persone di tutti i ceti sociali, compresi coloro che sono cresciuti in case istruite, di classe media, con lavori stabili e buona assicurazione sanitaria.

Lo studio, condotto nel sud della California dai Centers for Disease Control (CDC) e Kaiser Permanente, ha posto alle persone domande sulla loro esposizione a 10 categorie di trauma infantile, che vanno da quello fisico, sessuale o emotivo negligenza o abuso, incarcerazione di un membro della famiglia, violenza, malattia mentale o dipendenza all'interno della famiglia, o assenza di uno o entrambi i genitori.

Le risposte sono state successivamente valutate con un punteggio ACE di 0 che indicava nessuna esposizione al trauma, fino ad un punteggio di 10 per i partecipanti che erano stati esposti a tutte le categorie.

I risultati

Due terzi dei 17.000 partecipanti all'ACE Study di base avevano un punteggio di almeno 1, con quasi il 90% che segnava più di 1. Lo studio è stato ripetuto in diversi stati del paese, con risultati simili.

L'impatto sulla salute pubblica è stato enorme, poiché è diventato sempre più chiaro che gli abusi e i traumi infantili sono un fatto comune - non una rarità.

Cosa significa: Le conseguenze del trauma infantile

Nel corso dello studio è emerso che punteggi più alti sono correlati ad un rischio maggiore di problemi fisici e psicologici in futuro. Più alto è il punteggio, maggiore è la possibilità di sviluppare diabete, enfisema, obesità grave, ictus, cancro, mal di testa, problemi cardiaci e morte precoce.

La risposta Fight or Flight del corpo aiuta a tenerci al sicuro rilasciando ormoni dello stress che ci spronano a rispondere rapidamente quando il pericolo incombe. Tuttavia, un bambino che vive continuamente nella paura rimane intrappolato nella risposta Fight or Flight poiché il cervello è costantemente sovraccarico di ormoni dello stress.

Come risultato, il trauma ha la precedenza su tutti gli altri aspetti della vita. I bambini hanno difficoltà a fidarsi degli adulti e a sviluppare relazioni con i loro coetanei. I problemi di apprendimento sono comuni. I bambini che vivono con un trauma spesso si comportano male e poiché hanno difficoltà a regolare le emozioni, spesso viene loro diagnosticata erroneamente l'ADHD.

Le persone esposte al trauma durante l'infanzia hanno anche maggiori probabilità di impegnarsi in comportamenti che aumentano il rischio di problemi di salute, incluso il fumo e l'abuso di droghe e alcol. È più probabile che finiscano in vari sistemi di servizi umani come la giustizia penale, i servizi sociali o i servizi di protezione dell'infanzia.

Non è una sorpresa per i professionisti del trattamento di droghe e alcol che le persone ricorrano spesso a droghe, alcol, sesso, sovralimentazione, lavoro, fumo o anche sport estremi per sfuggire a rabbia, paura, rabbia, depressione, ansia e altre emozioni difficili legate a traumi infantili irrisolti.

C'è speranza: quello che lo studio ACE non significa

Le domande ACE sono facili da trovare online e chiunque può fare il test e determinare il proprio punteggio ACE.

Tieni presente che un punteggio alto non significa che sei automaticamente condannato a vivere una vita difficile e piena di problemi. Nonostante i fattori di rischio correlati ad un punteggio alto, è anche diventato evidente che i bambini (e gli adulti) possono prosperare nonostante il trauma infantile.

Per esempio, lo studio non considera le influenze positive che mitigano le negatività, come la presenza di un genitore resiliente, un insegnante influente, un amico di famiglia amato o un nonno, o una comunità che nutre e sostiene.

Quando il trauma infantile è bilanciato da tali fattori protettivi, i bambini possono imparare a regolare le loro emozioni e a coinvolgere il mondo in modi positivi. Anche una sola relazione sicura e stabile con un adulto può fare la differenza nel modo in cui un bambino coltiva un senso di scopo. Se un bambino non ha tamponi, il rischio è molto maggiore.

Scuole, sistemi sanitari e altre entità che forniscono supporto a genitori e bambini giocano un ruolo importante.

Anche se non è facile, gli adulti che continuano a lottare con i residui di abusi e traumi infantili possono imparare a sviluppare resilienza e andare oltre il dolore. La consulenza è molto efficace, specialmente la terapia cognitiva comportamentale e altre tecniche che aiutano le persone ad affrontare e cambiare gli schemi di pensiero negativi.

Gli adulti che si rivolgono a droghe e alcol per affrontare un'infanzia dolorosa possono trarre grande beneficio da droga e trattamento con alcol o riabilitazione.

Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2016-08-21 11:53:08 e tradotto in Italiano nel 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

2 × 5 =

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati