Uso cronico di marijuana e malattie gengivali

La maggior parte delle persone è consapevole dei problemi fisici e psicologici riferiti associati all'uso cronico di marijuana, ma molti non si sono fermati a considerare la connessione tra la cannabis e l'aumento del rischio di malattie gengivali.

Se non trattata, la malattia gengivale, conosciuta anche come malattia parodontale, può causare infiammazione e deterioramento delle ossa intorno ai denti, portando alla fine a gonfiore, gengive sanguinanti ed eventuale perdita dei denti.

Gli studi

I rischi sono venuti alla ribalta dopo uno studio a lungo termine che ha coinvolto più di 1.000 neozelandesi ai quali è stato chiesto di auto-raccontare il loro stato di salute ogni tot anni. I partecipanti che fumavano regolarmente marijuana avevano il 55% di probabilità in più di mostrare segni di malattie gengivali entro i trent'anni, rispetto a solo circa il 13% dei non consumatori.

Uno studio simile condotto al Columbia University College of Dental Medicine nel 2017 ha ottenuto risultati simili. Lo studio ha chiesto a quasi 2.000 persone il loro uso di cannabis, e poi ha seguito un esame dentale.

I ricercatori hanno scoperto che i partecipanti che hanno usato marijuana, hashish o olio di hashish almeno una volta nell'ultimo mese avevano spazi più grandi tra i denti e altri segni di malattia parodontale più spesso dei non fumatori (compresi i consumatori di tabacco).

Il fumo di sigaretta è già fortemente implicato nelle malattie gengivali, quindi i ricercatori non sono sorpresi che il fumo cronico di marijuana porti a risultati simili; tuttavia, non sono sicuri del perché.

Alcuni sostengono che mettere oggetti caldi vicino ai denti riscalda le gengive e causa infiammazione. Altri danno la colpa alla propensione dei consumatori cronici di marijuana ad essere meno che completamente onesti nel riferire la qualità della loro igiene dentale. Un aumento dell'appetito (noto come "the munchies") è in parte da biasimare.

Vada dal suo dentista se è preoccupato, poiché la malattia parodontale è reversibile se trattata nelle fasi iniziali. Se è un fumatore regolare di marijuana (o anche se non lo è), si lavi e passi il filo interdentale almeno due volte al giorno per rimuovere i batteri intrappolati tra i denti e le gengive.

Può anche aiutare a sciacquare la bocca regolarmente con un collutorio che aiuta a mantenere un sano equilibrio di pH nella bocca.

Trattamento di droga e alcol: Rehab for Cannabis Addiction

Non esiti a discutere di qualsiasi problema di salute dentale con il suo dentista e si assicuri di programmare esami dentali biennali. La maggior parte dei dentisti vuole veramente aiutare con i problemi e non sono nel business del giudizio o della critica.

Consideri trattamento per la dipendenza da cannabis se è preoccupato che il suo uso di marijuana stia andando fuori controllo.

Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2017-12-23 14:14:23 e tradotto in Italiano nel 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

cinque × due =

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati