Vitamina D e dipendenza

La vitamina D è necessaria per il corretto funzionamento di ogni organo e tessuto del corpo umano. Questo è stato dimostrato più volte, ma nuovi studi suggeriscono che la vitamina D può anche essere uno strumento importante nel trattamento dell'abuso di sostanze e della dipendenza. Ci sono anche indicazioni che bassi livelli di vitamina D possono ritardare il recupero e aumentare il rischio di ricaduta.

Negli ultimi anni, gli studi hanno suggerito che livelli adeguati di vitamina D aiutano a regolare e proteggere la dopamina e altre sostanze chimiche che influiscono sul funzionamento sano del cervello. Inoltre regola il sistema immunitario, riduce l'infiammazione, ripara il DNA danneggiato e aiuta il corpo a ripristinare le vitamine e i minerali impoveriti da anni di abuso di sostanze.

La carenza di vitamina D è associata non solo a droga e dipendenza da alcol, ma ad una serie di gravi problemi di salute, tra cui malattie cardiache, alcune forme di cancro, sclerosi multipla, diabete, osteoporosi, malattie epatiche, obesità, ansia, depressione, e persino il comune raffreddore.

Vitamina D e il corpo

C'è un tasso sorprendentemente alto di carenza di vitamina D nei paesi del mondo. Mentre la prevalenza della carenza di vitamina D è più alta tra le persone che vivono lontano dall'equatore, la carenza è comune ovunque, anche nelle zone a bassa latitudine e nei climi in cui sembra che la radiazione UVB dovrebbe essere adeguata.

La vitamina D è conosciuta anche come "vitamina del sole" perché viene prodotta quando la pelle è esposta alla luce solare. Se passa molto tempo al chiuso o se vive in un clima freddo e buio, è a maggior rischio di carenza di vitamina D. In molte zone, il sole non è abbastanza forte durante l'autunno e l'inverno per fornire i livelli necessari di vitamina D. L'uso vigile di creme solari è un fattore che contribuisce in modo significativo.

Sei a corto di vitamina D?

Se sospetta di essere a corto di vitamina D, l'unico modo per saperlo con certezza è chiedere al suo medico un esame del sangue. Non si affidi alle informazioni online per autodiagnosticare una possibile carenza di vitamina D.

Anche se gli integratori sono poco costosi e facilmente disponibili, il livello ottimale di vitamina D varia sostanzialmente a seconda del tipo di pelle, dell'età, dell'altitudine in cui vive, dell'inquinamento atmosferico e di altri fattori. Troppa vitamina D può provocare un pericoloso accumulo di calcio, che può contribuire a dolori ossei e problemi renali.

Il modo più naturale per aumentare il suo livello di vitamina D è esporre ampie aree della sua pelle alla luce solare naturale, ma non esageri; anche pochi minuti di sole senza protezione solare possono aumentare i suoi livelli di vitamina D. Non è necessario abbronzarsi e non dovrebbe mai rimanere al sole abbastanza a lungo da scottarsi la pelle.

Vitamina D e cibo

Riceve la maggior parte delle vitamine e dei minerali necessari dal cibo che mangia, ma la quantità di vitamina D nel cibo è molto piccola - certamente non abbastanza per compensare una grave carenza. Tuttavia, non fa mai male aggiungere i seguenti alimenti alla sua dieta:

  • Salmone, sgombro, aringa, sardine, gamberetti, ostriche
  • Tonno in scatola
  • Gialli d'uovo
  • Olio di fegato di merluzzo
  • Fegato di manzo
  • Funghi
  • Latte e yogurt
  • Latte di mandorle
  • Succo d'arancia fortificato
Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2018-03-11 16:36:57 e tradotto in Italiano nel 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

19 − quindici =

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati