Latest

Negligenza affluente

La società esprime grande preoccupazione per i bambini poveri e con pochi mezzi e per la maggiore probabilità che non abbiano accesso all'assistenza sanitaria e all'istruzione, o che si diano alla droga o al crimine in età adulta. Si presta meno attenzione ai figli di genitori benestanti che hanno la loro serie di problemi. La…

Legga di più

Che cos’è la terapia comportamentale dialettica?

La terapia comportamentale dialettica (DBT), sviluppata da Marsha Linehan, Ph. negli anni '80, è un tipo di terapia della parola originariamente progettata per persone ad alto rischio con tendenze suicide con diagnosi di disturbo borderline di personalità. Oggi, la DBT è usata per trattare le persone alle prese con una serie di emozioni complesse e…

Legga di più

Benefici dello yoga nel trattamento delle dipendenze

In termini generali, lo yoga è un esercizio che apporta benefici al corpo, alla mente e allo spirito attraverso l'integrazione di tecniche di respirazione, esercizi di rafforzamento, posture e meditazione. Ci sono molti tipi di yoga; tutti sono vantaggiosi. Sebbene lo yoga sia una pratica secolare, è una modalità di trattamento relativamente nuova nel campo…

Legga di più

Che cos’è la terapia comportamentale dialettica?

La terapia comportamentale dialettica (DBT), sviluppata da Marsha Linehan, Ph. negli anni '80, è un tipo di terapia della parola originariamente progettata per persone ad alto rischio con tendenze suicide con diagnosi di disturbo borderline di personalità. Oggi, la DBT è usata per trattare le persone alle prese con una serie di emozioni complesse e…

Legga di più
precedente
/
prossimo

Vulnerabilità e trauma

Barry Boyce, caporedattore di Mindful Magazine, dice che tutti gli esseri umani sono esseri vulnerabili e che la vulnerabilità fa parte dell'essere vivi e aperti ad una serie di esperienze mentre navighiamo in un mondo incerto e spaventoso.

Anche se siamo fisicamente e psicologicamente vulnerabili, tendiamo a temere la nostra vulnerabilità perché minaccia il nostro senso di sicurezza e protezione. Ci teniamo stretti al controllo, poiché allentare la presa fa emergere sentimenti di vulnerabilità che forse non siamo pronti ad affrontare. La ricercatrice Brene Brown definisce la vulnerabilità come "Incertezza, rischio ed esposizione emotiva."

La maggior parte delle persone ha sperimentato una qualche forma di trauma nella sua vita, che può essere un evento unico come un incidente d'auto, o una forma di trauma che si ripresenta per mesi o addirittura anni. Per molte persone il trauma ha radici profonde negligenza infantile o abuso.

Un trauma non risolto può portare a gravi ansia, depressione, e abuso di sostanze o dipendenza che possono richiedere trattamento o riabilitazione da droghe e alcol. Le persone che hanno subito un trauma possono avere problemi di rabbia, depressione o ansia. Spesso hanno difficoltà a regolare le loro emozioni e spesso si automedicano le emozioni difficili con droghe e alcol.

Trauma e suicidio

Studi indicano che le persone che hanno subito un trauma hanno maggiori probabilità di commettere suicidio. Questo è particolarmente evidente per i veterani, per i quali il trauma e il PTSD sono davvero questioni di vita o di morte. Un 2012 Suicide Data Report condotto dal U.S. Department of Veterans Affairs indica che negli Stati Uniti 22 veterani si suicidano ogni giorno. Il tasso di suicidio è maggiore nei primi tre anni dopo aver lasciato il servizio militare.

Guarire dal trauma richiede vulnerabilità

Le vittime di traumi e PTSD (sindrome da stress post-traumatico) sono particolarmente riluttanti ad abbracciare la loro vulnerabilità, che significa rinunciare ad una certa quantità di controllo e permettersi di provare emozioni difficili. Tuttavia, guarire da un trauma richiede imparare (o re-imparare) come essere vulnerabili.

Boyce nota che le persone che hanno vissuto un grave trauma devono capire e diventare familiari con le loro emozioni, e poi permettere all'ansia di svilupparsi e salire in superficie dove può essere affrontata. Stare bene spesso significa fissare piccoli obiettivi e accettare la vulnerabilità gradualmente.

Trauma e meditazione mindfulness

Sviluppare nuove abitudini e pratiche, inclusa la meditazione mindfulness, può interrompere schemi di pensiero negativi e aiutare le persone a entrare in contatto con emozioni sepolte da tempo. La ricerca indica che la pratica regolare di mindfulness può effettivamente cambiare il modo in cui il cervello risponde ai traumi e agli stress che hanno un impatto negativo sul pensiero e sul benessere generale.

Boyce commenta anche che quando siamo nel mezzo di un trauma, siamo investiti dal nostro comfort e tendiamo a dimenticare il dolore degli altri. Tuttavia, siamo tutti esposti al trauma. Comprendere questa comunanza ci aiuta a sviluppare compassione, a sentirci meno isolati e ad essere più aperti ad aiutare gli altri. Di conseguenza, ci colleghiamo e otteniamo sostegno dagli altri costruendo relazioni sane e una comunità sana.

Boyce nota anche che gli esseri umani sono estremamente resilienti con un'enorme capacità di rimbalzare da esperienze dolorose e tremende avversità. Tuttavia, la guarigione richiede tempo e pazienza, poiché il recupero da un trauma non avviene istantaneamente.

Questo articolo è stato pubblicato in inglese 2016-05-29 14:56:42 e tradotto in Italiano nel 2021

I messaggi più recenti

I nostri articoli e comunicati stampa privati